INVESTMENT INSIGHTS

Incertezza di mercato - Una situazione mai agevole, ma potenzialmente redditizia

Taymour Tamaddon , Portfolio Manager

Key insights

  • Diversi i fattori, a livello del mercato in generale ma anche di singole aziende, stanno contribuendo a una sensazione diffusa di incertezza, che a sua volta indebolisce la fiducia degli investitori.
  • Tuttavia, per chi investe nei titoli growth statunitensi ad alta capitalizzazione, queste condizioni storicamente hanno offerto ottime opportunità di generare alfa.
  • Al di là dell'incertezza di breve periodo, l'innovazione che stiamo osservando oggi nel mercato è trainata in larga misura dalle grandi aziende statunitensi, e questo resta un indubbio fattore di attrazione.

La sensazione generale di incertezza, nei confronti del mercato o di singoli titoli, può derivare dalla combinazione di diversi fattori. A volte sono situazioni di natura macroeconomica o geopolitica, come le tensioni commerciali di questo periodo fra Stati Uniti e Cina, oppure i timori per il ritmo di crescita più moderato o un cambio di atteggiamento delle banche centrali. Se invece riguardano titoli specifici, entrano in gioco tendenze di settore che scardinano lo status quo o aspetti operativi, normativi e concorrenziali. In ultima analisi, qualsiasi fonte di incertezza può minare la fiducia e pesare sulla performance del mercato azionario.
 

Detto questo, nell'area delle large cap USA, che rappresenta il segmento più efficiente del mercato più efficiente del mondo, questi periodi incerti storicamente hanno generato un alto potenziale di creazione id alfa. Per quanto l'incertezza sia una condizione non proprio agevole, la vediamo come un'opportunità.
 

Cogliere le opportunità  create dall'incertezza

L'incertezza di mercato può portare a situazioni di disallineamento dei prezzi, dato che gli investitori spesso mostrano reazioni eccessive alle notizie negative. A prescindere che riguardi il mercato in generale o alcuni titoli specifici, l'incertezza offre agli investitori con un orizzonte temporale lungo ampie opportunità di trarre vantaggio da questi  movimenti di prezzo a breve termine.
 

Per la strategia T. Rowe Price US Large‑Cap Growth Equity, cerchiamo costantemente di identificare a fini di investimento società innovative che, proponendo idee, servizi o prodotti nuovi, possono ottenere una crescita composta nel tempo. Le aziende di questo tipo sono quelle capaci di creare l'incertezza a effetto dirompente nei rispettivi settori,  e corrispondono esattamente al genere di investimento su cui vogliamo puntare.
 

Per identificare gli attori dotati di queste capacità e di questo potenziale, serve una ricerca che guardi oltre il flusso di notizie del momento. I titoli di giornale creano sacche di opportunità, ma è difficile ottenere guadagni consistenti da questo tipo di approccio nello spazio delle large cap - al massimo si può guadagnare l'1 o il 2% seguendo una storia in particolare evidenza, ma è raro che si riesca a racimolare qualcosa di sostanzioso da questo "rumore" del momento, utile solo come spunto per esaminare più a fondo il profilo di reddito o di crescita a lungo termine della società coinvolta. L'esperienza ci insegna che per trarre vantaggio dall'incertezza nell'area delle large cap statunitensi, l'unico modo è acquisire una conoscenza dettagliata dei fondamentali economici delle società e della loro proposta distintiva.

 

Guardare oltre il "rumore" di mercato a breve termine

Facebook è un ottimo esempio del nostro approccio. Il titolo è crollato dai 210 USD di metà 2018 a 125 USD nei sei mesi successivi, principalmente a causa delle preoccupazioni sull'atteggiamento della società riguardo alla riservatezza dei dati. Le decisioni sbagliate prima e la scarsa trasparenza delle comunicazioni poi, una volta che il problema è venuto a galla, hanno inciso pesantemente sulla quotazione azionaria.
 

Tuttavia, guardando oltre la reazione di mercato negativa nell'immediato, siamo andati a riesaminare e riverificare la nostra tesi di investimento iniziale. Questo lavoro ha richiesto un'ulteriore analisi del motivo per cui così tante aziende fanno pubblicità su Facebook, che da parte sua trae da questa fonte la maggior parte dei ricavi. Nel corso di una serie di visite presso società distribuite in tutto il paese, abbiamo ricevuto conferma che la pubblicità su Facebook si colloca al primo o al secondo posto in termini di ritorno sull'investimento. Una volta capito questo, è diventato chiaro che la violazione della privacy dei dati non sarebbe bastata in sé a provocare un abbandono in massa da parte delle aziende di quella che di fatto rappresenta per loro la via maestra verso la crescita.

 

Come investitori a lungo termine in Facebook, siamo anche pienamente consapevoli dell'impatto che possono avere problemi di rilievo sulla media di utenti giornalieri/mensili. In questo caso, nonostante la reazione molto forte dell'opinione pubblica, abbiamo osservato un impatto negativo relativamente modesto sul numero di utenti medio.
 

La combinazione di questi due fattori significa che quando il corso azionario è sceso drasticamente, non solo abbiamo tenuto la posizione, ma l'abbiamo incrementata per approfittare della debolezza di questo periodo.

 

Una ricerca fondamentale dedicata alla base di decisioni convinte

Boeing è un altro esempio di come abbiamo mantenuto la nostra convinzione durante una fase di particolare incertezza per la società, trovatasi ad affrontare gravi difficoltà dopo i tragici incidenti che hanno coinvolto il suo nuovo aeromobile 737 Max. Attraverso una ricerca approfondita e accurata nel settore, abbiamo acquisito fiducia nella capacità dell'azienda di superare le conseguenze di questa crisi.
 

I nostri analisti dedicati conoscono dettagliatamente l'industria aerospaziale, che di fatto è strutturata come un duopolio. Il nostro studio ha evidenziato che il principale concorrente di Boeing deve gestire un accumulo di ordini arretrati e difficilmente sarà in grado di soddisfare nuovi ordini di aeromobili fino a circa il 2024-2025, pertanto abbiamo potuto sfruttare la fase di debolezza per incrementare l'esposizione al titolo Boeing.

 

L'innovazione si conferma un tema  convincente

Sia gli aspiranti investitori che quelli esistenti continuano a chiederci se pensiamo ancora che l'ambiente dei titoli growth statunitensi ad alta capitalizzazione offra buone opportunità in questa fase. Lasciando da parte ogni condizionamento, una delle attrattive tuttora presenti è l'innovazione, insieme alla potenziale disruption del mercato, che si propaga dal segmento large cap del mercato azionario statunitense, in particolare dalle aziende che utilizzano ampie raccolte di dati a loro vantaggio. E non stiamo parlando di possibili problemi di privacy, quanto piuttosto dell'analisi di vaste serie di dati accumulati ad esempio per migliorare l'esperienza dei consumatori.

 

(Fig. 1) Le grandi aziende statunitensi stanno trainando l'innovazione
Questa tendenza ha già trovato riflesso nella performance del mercato
All'11 ottobre 2019

Questa tendenza ha già trovato riflesso nella performance del mercato. All'11 ottobre 2019

 

I rendimenti passati non costituiscono un'indicazione affidabile di quelli futuri.

Performance cumulativa dell'indice su 5 anni - Titoli growth large cap e small cap USA a confronto. Indici ribasati a 100. Large cap USA = Russell 1000 (EOD) Growth - Price Index, small cap USA = Russell RAFI US Small Co - Price Index. Il grafico mostra il rendimento di prezzo, che non riflette il reinvestimento dei dividendi e del reddito.
Fonte: Refinitiv, © 2019 Refinitiv. Tutti i diritti riservati. Analisi di T.  Rowe Price.

 

...oggi sono soprattutto le grandi società a trainare l'innovazione del mercato.

Storicamente la disruption del mercato in genere è partita da società più piccole, in possesso di un prodotto o un servizio nuovo e innovativo, ma ora sono i dati il motore principale dell'innovazione: servono serie di dati molto vaste per stimolare il tipo di sconvolgimento che stiamo vedendo in questo periodo. E siccome le aziende di piccole dimensioni difficilmente hanno accesso a questi volumi di dati, oggi sono soprattutto le grandi società a trainare l'innovazione del mercato. È una tendenza che è emersa di prepotenza negli ultimi cinque anni, esercitando un'influenza riflessa nella performance relativa dei mercati. Qualsiasi utilizzo di dati deve essere appropriato e rispettoso delle normative, ma la capacità di trarne vantaggio sta stimolando una pubblicità più mirata, che a sua volta fa aumentare la soddisfazione dei clienti e il fatturato delle aziende.
 

L'incertezza di mercato è destinata a rimanere in primo piano nel prossimo futuro. I rischi politici e macroeconomici rappresentano possibili ostacoli, mentre a livello societario, l'innovazione dirompente e le sfide operative, normative e concorrenziali continueranno ad avere peso,  creando incertezza per certi titoli specifici. In ogni modo, siamo convinti che ci sia un numero sufficiente di fattori che continueranno a sostenere le azioni statunitensi, mentre qualsiasi aumento della volatilità potrebbe presentare buone occasioni di acquisto, dato che spesso gli investitori risponderanno a questo ambiente con reazioni eccessive, sia al rialzo che al ribasso. Per  gli investitori strategici a lungo termine, è senz'altro un terreno fertile.

 

Da tenere d'occhio

La controversia commerciale fra Stati Uniti e Cina continua a pesare sull'umore degli investitori e sulla fiducia delle imprese, frenando la spesa in conto capitale. A nostro avviso, il modo in cui si evolverà questa situazione nel corso del prossimo anno sarà determinante ai fini della performance a breve termine del mercato azionario statunitense.

 

 

1 Fonte: FTSE/Russell (cfr. Informativa aggiuntiva), al 30 settembre 2019. L'universo è rappresentato dall'indice Russell 1000 Growth Net 30%.


 

I titoli specifici individuati e descritti non rappresentano tutti i titoli acquistati, venduti o raccomandati per i clienti all’interno del composito e non è possibile presumere che i titoli individuati e trattati si siano dimostrati o si dimostreranno redditizi.
 

Rischi principali – Riportiamo di seguito i rischi che rivestono importanza significativa per la strategia presentata in questo materiale. Le operazioni in titoli denominati in valuta estera sono soggette alle fluttuazioni dei tassi di cambio che possono incidere sul valore dell'investimento. La strategia è soggetta alla volatilità correlata all’investimento azionario, e il suo valore può fluttuare più di quello di una strategia che investe in titoli orientati a generare reddito.

 

Informativa aggiuntiva

London Stock Exchange Group plc e le società facenti parte del gruppo (collettivamente, il "Gruppo LSE"). © LSE Group 2019.  Tutti i diritti relativi ai dati o agli indici FTSE Russell sono detenuti dalla società del Gruppo LSE proprietaria dell'indice o dei dati. Il Gruppo LSE e i relativi licenziatari declinano ogni responsabilità in relazione a errori o omissioni negli indici e nei dati e raccomandano di non fare affidamento sugli indici o i dati contenuti in questa comunicazione. L'ulteriore distribuzione dei dati forniti dal Gruppo LSE è consentita solo con l'esplicito consenso scritto della società del Gruppo LSE titolare dei relativi diritti. Il Gruppo LSE non promuove, sponsorizza né approva il contenuto della presente comunicazione.

 

Informazioni importanti

Questo materiale è fornito a scopo esclusivamente informativo. Il materiale non costituisce né si prefigge di fornire una consulenza di alcun genere, neppure in materia di investimento fiduciario; si consiglia ai potenziali investitori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione d'investimento. Le società del gruppo T. Rowe Price, incluse T. Rowe Price Associates, Inc. e/o le sue affiliate, ottengono ricavi dai prodotti e servizi di investimento di T. Rowe Price. I rendimenti passati non costituiscono un’indicazione affidabile di quelli futuri. Il valore di un investimento e l’eventuale reddito da esso derivante possono aumentare o diminuire. Gli investitori possono ottenere un importo inferiore rispetto a quello investito.

Il presente materiale non costituisce distribuzione, offerta, invito, raccomandazione o sollecitazione personale o generale all'acquisto o alla vendita di titoli in alcuna giurisdizione, né allo svolgimento di qualsiasi attività di investimento specifica. I contenuti del presente materiale non sono stati verificati da alcuna autorità di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Le informazioni e le opinioni qui presentate sono state ottenute o tratte da fonti ritenute affidabili e aggiornate; tuttavia, non siamo in grado di garantirne l'accuratezza né l'esaustività. Non vi è alcuna garanzia che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri qui contenuti sono espressi alla data indicata sul materiale e sono soggetti a cambiamento senza preavviso; questi pareri possono differire da quelli di altre società del gruppo T. Rowe Price e/o di loro associate. Il materiale non dovrà essere, in nessun caso, copiato né ridistribuito, in tutto o in parte, in assenza del consenso di T. Rowe Price.

Il materiale non è destinato ad essere utilizzato da persone che siano in giurisdizioni che vietino o limitino la distribuzione del materiale e in alcuni paesi tale materiale è fornito solo su richiesta specifica.

Il presente documento non è finalizzato alla distribuzione ai clienti retail in alcuna giurisdizione.

 

201910-995350

FONDO CORRELATO
SICAV
Classe I USD
ISIN LU0174119775
Individuare gli investimenti con potenzialità di crescita degli utili a due cifre.
Visualizza Altro...
Rendimento 3 A
(Annualizzato)
20,99%
Dimensione del fondo
(USD)
$2,4mld