Skip to main content

Seleziona il tuo Paese

Selezione corrente

Italia
Italiano
Canada
Stati Uniti
Australia
Hong Kong
Giappone
Nuova Zelanda
Singapore
Corea del Sud
Austria
Belgio
Danimarca
Estonia
Finlandia
Francia
Germania
Islanda
Irlanda
Italia
Lettonia
Lituania
Lussemburgo
Paesi Bassi
Norvegia
Portogallo
Spagna
Svezia
Svizzera
Regno Unito

Ottobre 2022 / INVESTMENT INSIGHTS

Affrontare la rivoluzione UE sulla Finanza Sostenibile

Cosa significano le regolamentazioni europee in materia di sostenibilità

SINTESI

Gli investimenti ambientali, sociali e di governance (ESG) sono stati una delle tendenze in più rapida crescita nei mercati finanziari, con la domanda degli investitori che ha creato una miriade di prodotti di investimento che vanno dall'integrazione dei fattori ESG nei processi di investimento alla ricerca di obiettivi sostenibili. In modo alquanto sorprendente, questa rapida crescita nella categoria degli investimenti ESG si è verificata con una guida normativa limitata su ciò che costituisce un prodotto 'ESG' o 'sostenibile'. Ancora più sorprendentemente, si è verificato anche senza la disponibilità di dati ESG completi poiché la maggior parte degli emittenti non divulga informazioni ambientali e sociali standardizzati.

L'Unione Europea (UE) ha rappresenato il primo blocco normativo all’attuazione completa della regolamentazione sulla finanza sostenibile. Alla base dell'agenda normativa dell'UE c'è l'istituzione di un report ambientale e sociale noto come Principal Adverse Impact Indicator (PAI) nell'ambito della Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR) e del regolamento UE sulla tassonomia (Tassonomia).

Questi dati sono specifici del regolamento dell'UE e segnano un percorso diverso rispetto a quello che abbiamo visto da altri regolatori, che si sono uniti attorno agli standard della Taskforce sulle informazioni finanziarie relative al clima (TCFD).

Sebbene il pacchetto sulla finanza sostenibile dell'UE rilevi gli emittenti che divulgheranno gli indicatori PAI e le metriche della tassonomia dell'UE, i ritardi relativi a parti specifiche del progetto hanno portato asset manager e investitori a dover rendere note le PAI e la tassonomia prima che i titoli sottostanti nelle loro portafoglio fossero tenuti a divulgarli. Ciò ha comportato notevoli problemi con la attendibilità dei dati nelle prime fasi di attuazione di questo quadro.

In questo documento, diamo uno sguardo più da vicino alle nuove normative dell'UE e al modo in cui influenzeranno gli investitori concentrandoci sulle implicazioni a lungo termine, nonché alcune considerazioni pratiche a breve termine che tutti gli investitori dovrebbero comprendere.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Ottobre 2022 / INVESTMENT INSIGHTS

Il ritorno del valore nell’high yield
Prossimo Articolo

Ottobre 2022 / ASSET ALLOCATION VIEWPOINT

Vento a favore per le obbligazioni high yield?
202209‑2435790

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.