Skip to main content

Seleziona il tuo Paese

Selezione corrente

Italia
Italiano
Canada
Stati Uniti
Australia
Hong Kong
Giappone
Nuova Zelanda
Singapore
Corea del Sud
Austria
Belgio
Danimarca
Estonia
Finlandia
Francia
Germania
Islanda
Irlanda
Italia
Lettonia
Lituania
Lussemburgo
Paesi Bassi
Norvegia
Portogallo
Spagna
Svezia
Svizzera
Regno Unito

Settembre 2021 / INVESTMENT INSIGHTS

Ciclo economico e implicazioni per gli investitori

In contesti complessi, una gestione attiva può essere d'aiuto ai portafogli

Nonostante le preoccupazioni sulla nuova variante Delta del Covid-19, la corsa dei mercati azionari non si è fermata, grazie soprattutto all'accelerazione nelle campagne di vaccinazione che ha contribuito ad alimentare le aspettative di un relativo "ritorno alla normalità". E oggi si discute molto, con riferimento sempre all'equity, sulla traiettoria futura dei tassi di interesse, dell'inflazione e della crescita economica. In queste righe cercheremo di capire a che punto è l'attuale ciclo economico.

I prezzi degli asset sono alti per una ragione

I prezzi degli asset sono elevati perché i tassi di interesse rimangono bassi e non siamo in presenza di un ciclo del credito che possa agire da disruptor. Nell'ultimo anno, governi e banche centrali hanno saputo arginare una pandemia globale che altrimenti, in assenza di interventi, avrebbe avuto conseguenze molto più gravi per i mercati finanziari. Tutto questo ha creato un contesto in cui sembra esserci un basso rischio sistemico, visto che i tassi di interesse rimangono su livelli bassi e che la pandemia sta migliorando lentamente. Tuttavia, stiamo assistendo a numerosi esempi di assunzione di rischi eccessivi sui mercati finanziari. E la storia suggerisce che questo tipo di comportamento dovrebbe essere gestito attivamente all'interno dei portafogli.

I prezzi degli asset sono elevati perché i tassi di interesse rimangono bassi e non siamo in presenza di un ciclo del credito che possa agire da disruptor.

L'inflazione potrebbe diminuire

Stiamo assistendo a una crescita dell'inflazione su livelli molto elevati in molte aree dell'economia e nel mercato del lavoro. Siamo d'accordo con la Federal Reserve (Fed) nel sostenere che questa inflazione sia solo transitoria; per esempio, sono sacche di inflazione quelle del legname, del DRAM1 e delle auto usate. E poi, la questione se l'inflazione da lavoro venga incorporata è ancora da risolvere. Mentre un certo grado di inflazione nel mercato del lavoro è una buona cosa, un'escalation richiederebbe probabilmente un cambiamento nella politica monetaria che potrebbe potenzialmente interrompere il ciclo.

Riteniamo che la demografia e la tecnologia, tuttavia, rimangano delle forze strutturali potenti che possono continuare a esercitare pressioni al ribasso sulle tendenze dell'inflazione a lungo termine. Queste forze non sono scomparse e dovrebbero tornare a manifestarsi una volta che le economie si normalizzeranno.

I mercati hanno più paura degli errori della Fed e di un rapido aumento dei tassi di interesse

Riteniamo che la più grande paura del mercato sia che un'inflazione "assurda" possa portare la Fed a compiere degli errori. Nello specifico, un rapido aumento dei tassi di interesse che provoca una crisi e un appiattimento, o addirittura un'inversione, della curva dei rendimenti. In questo scenario, il prezzo di quasi tutti gli asset crollerebbe: azioni, obbligazioni, immobili, arte, vino e tante altre (Un esempio di questa dinamica lo abbiamo avuto a dicembre 2018).

A giugno 2021, le prime indicazioni da parte della Fed di un possibile inasprimento delle politiche monetarie hanno diffuso il panico sui mercati. Qualsiasi accenno di tapering o aumento dei tassi sembrava generare una "crisi" in un mercato che a gran voce chiedeva una politica monetaria accomodante per mantenere l'equilibrio.

Diffidiamo del livello attuale dei tassi di interesse e crediamo che il prezzo dei Treasury rappresenti dinamiche su copertura e avversione al rischio più che un indicatore accurato dell'economia futura. Riteniamo che i tassi di interesse dovrebbero essere più alti, ma non al punto da portare a un pericoloso cambio di regime.

Molte aree growth appaiono affollate

Le valutazioni di molti asset growth sono cresciute in modo significativo durante il periodo peggiore della pandemia e hanno raggiunto livelli che oggi persistono nonostante sia diventato più chiaro che ci troviamo su un percorso di normalizzazione. I titoli tecnologici a mega capitalizzazione hanno detronizzato i beni di prima necessità e le utility come fonte di posizionamento difensivo sul mercato. E oggi osserviamo un sovraffollamento in alcune di queste aree growth, in particolare per quanto riguarda SPAC, IPO e Meme stocks 2. Un contesto secondo noi pericoloso, che richiede prudenza e soprattutto una gestione attiva capace di evitare rischi non adeguatamente prezzati.

I titoli tecnologici a mega capitalizzazione hanno detronizzato i beni di prima necessità e le utility come fonti di posizionamento difensivo sul mercato.

Il "Goldilocks" è possibile? Il percorso migliore è una lenta normalizzazione 

Ci stiamo sempre più orientando verso uno scenario "goldilocks", in cui vediamo un'inflazione più bassa (rispetto a oggi) ma tassi più alti (sebbene ancora storicamente bassi). Questa dinamica potrebbe essere trainata da:

  1. Un significativo rallentamento dell'economia cinese, considerato che le riforme e la regolamentazione vengono attuate quando possibile (cioè, proprio ora, durante l'attuale periodo di forte crescita economica).
  2. Un'accelerazione dei casi Covid-19 da variante delta, che penalizza la ripresa economica.
  3. Progressi continui nel miglioramento delle funzioni della catena di approvvigionamento. La cura per i prezzi alti sono i prezzi alti, come si ripete spesso.

Mercati complessi richiedono riflessioni profonde

Sfide e opportunità nell'attuale contesto di mercato

Mercati complessi richiedono riflessioni profonde

Solo a scopo illustrativo

Lo scenario goldilocks implica che l'inflazione "assurda" svanisca e che la crescita economica si stabilizzi. Ci aspettiamo di vedere un'inflazione più bassa man mano che un maggior numero di lavoratori torna al lavoro e che le condizioni di offerta più stringenti si allentano. Questo contesto ha il potenziale per evolversi in modo favorevole per gli stock picker, ma è negativo per gli asset growth affollati e per i puri speculatori. Un contesto "normale" è anche meno speculativo.

Tornare a scuola e imparare a "convivere con il Covid-19"

Il prossimo grande catalizzatore macro è il ritorno a scuola negli Stati Uniti, che potrebbe ridurre il disallineamento tra domanda e offerta di lavoro. Le famiglie americane con figli sono state un fattore di oscillazione sul mercato del lavoro. Con le scuole aperte (consentendo la normale assistenza all'infanzia) e i sussidi di disoccupazione in diminuzione, potremmo assistere a una certa normalizzazione delle dinamiche della domanda e dell'offerta di lavoro. Questo sarebbe positivo per il rischio, perché favorevole a uno scenario goldilocks. Resta da capire se gli americani (e il resto del mondo) riusciranno ad adattarsi a "convivere con il Covid".

Focus sui fondamentali dei titoli growth

Siamo a nostro agio con il nostro portafoglio, soprattutto su base relativa rispetto alle strategie "barbell" su fattori growth e value. Ci sono diversi segmenti del portafoglio in cui siamo contrarian. Stiamo cercando asset growth solidi sottovalutati ma in cui vediamo una crescita potenzialmente più elevata nel 2022 e oltre, per esempio nel settore dei viaggi. Riteniamo inoltre che valga la pena esplorare, con prudenza, i cambiamenti normativi in Cina e le opportunità che potrebbero derivarne.

Ci sono diversi segmenti del portafoglio in cui siamo cautamente contrarian.

Abbiamo parlato in precedenza di titoli che hanno "attraversato il baratro" durante il Covid-19, e continuiamo a cercare aziende che hanno ampliato i loro mercati e opportunità, cercando di evitare gli "impostori".

Mentre attraversiamo questo periodo straordinario, continuiamo a concentrarci sulle scelte difficili che lo scenario attuale ci impone. Il nostro obiettivo è puntare su titoli in cui vediamo un miglioramento dei ritorni economici, evitando azioni che incorporano rischi inutili e da cui ci si dovrebbe tenere alla larga. Questo è il nostro ruolo in qualità di stock picker con approccio fondamentale di tipo bottom-up.

 

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Settembre 2021 / MARKETS & ECONOMY

Il ritorno della volatilità può essere un'opportunità
Prossimo Articolo

Settembre 2021 / INVESTMENT INSIGHTS

Cina, troppo grande per essere ignorata!
202109‑1822618
FONDO CORRELATO
SICAV
Classe I
ISIN LU0143563046
Portafoglio azionario globale 'high conviction', gestito attivamente, costruito cercando di individuare le società più promettenti. Il portafoglio è composto in genere dai migliori 60-80 titoli che, secondo il team di gestione, sono bene posizionate per beneficiare dell'innovazione tecnologica e della disruption. Il fondo rientra nell'ambito dell'Articolo 8 del Regolamento sulla trasparenza della finanza sostenibile (SFDR).
Visualizza Altro...

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.