Skip to main content
Vai al contenuto

Settembre 2023 / ASSET ALLOCATION VIEWPOINT

Asset allocation globale: Viewpoint di settembre

Alla scoperta degli ultimi temi del mercato globale

1. Prospettive di mercato 

  • La crescita economica globale è stata eterogenea tra le regioni, con pressioni inflazionistiche e politiche delle banche centrali che hanno iniziato a divergere.
  • Le economie statunitense e giapponese si stanno dimostrando più resilienti, anche se gli Stati Uniti stanno riscontrando segnali di raffreddamento alla luce dei recenti dati sull’occupazione. La debolezza è riscontrabile in tutta Europa mentre la regione attraversa una lieve recessione e un’inflazione elevata, anche se in attenuazione. La crescita cinese è contrastata poiché il recente rallentamento è accompagnato da misure di stimolo in mezzo alle crescenti preoccupazioni relative al settore immobiliare.
  • Sebbene l’inasprimento delle banche centrali globali stia probabilmente raggiungendo il picco, i percorsi e i tassi di disinflazione variano da una regione all’altra, il che probabilmente porterà a divergenze nelle politiche future.
  • I principali rischi per i mercati globali includono un calo della crescita più profondo del previsto, passi falsi delle banche centrali, una nuova accelerazione dell’inflazione, traiettoria della crescita cinese e tensioni geopolitiche.

2. Posizionamento del portafoglio

Al 30 settembre 2023

  • Manteniamo una visione equilibrata sul rischio con un modesto sottopeso sulle azioni poiché le valutazioni rimangono elevate in un contesto di prospettive meno disastrose per la crescita e aspettative di un picco della politica della banca centrale.
  • Nell’ambito azionario, manteniamo una posizione neutrale sugli Stati Uniti e sul Regno Unito, sottoponderiamo l’Europa e leggermente sovrappesiamo il Giappone e i mercati emergenti.
  • Nell’ambito del reddito fisso, restiamo sottopesati sulle obbligazioni a favore della liquidità poiché la liquidità offre rendimenti e liquidità interessanti in caso di evoluzione delle opportunità di mercato. Abbiamo un sottopeso sui titoli di Stato e un sovrappeso sulle obbligazioni indicizzate all'inflazione. Ciò funge da zavorra per gli asset rischiosi e da copertura contro l’inflazione che si assesta al di sopra degli obiettivi delle banche centrali, nonché il potenziale di un aumento dei prezzi delle materie prime nel medio termine, riflettendo la riduzione delle spese di capitale e le tendenze di moderazione della produttività.
  • Nei settori a reddito fisso orientati al rendimento, manteniamo il sovrappeso sulle obbligazioni high yield e sui mercati emergenti, su livelli di rendimento assoluto ancora interessanti e fondamentali ragionevolmente favorevoli.

3. Temi di mercato

Una scossa di fiducia

I dati JOLTS più recenti, una misura della domanda di lavoro, hanno mostrato che le opportunità di lavoro sono diminuite in modo significativo e sono ora le più basse da marzo 2021, un segnale positivo per la Fed che l’eccesso di domanda nel mercato del lavoro potrebbe finalmente iniziare a raffreddarsi. I dati hanno anche mostrato che un minor numero di lavoratori ha lasciato il lavoro e che le assunzioni si sono sostanzialmente attenuate, muovendosi in direzioni favorevoli per bilanciare il mercato del lavoro e allentare le preoccupazioni sulla crescita salariale. I licenziamenti sono stati relativamente stabili, il che significa che il mercato del lavoro si è raffreddato rimuovendo parte della schiuma della domanda senza aumentare la disoccupazione, contribuendo a sostenere la narrazione di un atterraggio morbido. Tuttavia, anche se i dati sulla crescita salariale hanno mostrato segni di rallentamento, sono ancora elevati; il numero di posti di lavoro disponibili per disoccupato è ancora elevato; e il mercato del lavoro rimane rigido rispetto a parametri storici, con un tasso di disoccupazione pari solo al 3,8%. Pertanto, anche se i recenti dati in calo sull’occupazione hanno fornito un’ondata di fiducia sulla possibilità che la Fed possa affrontare un atterraggio morbido, abbiamo ancora molta strada da fare per allineare il mercato del lavoro e i salari all’obiettivo di inflazione del 2% della Fed.

Mercati divergenti?

Dopo un buon inizio d’anno caratterizzato dall’ottimismo sulla riapertura della Cina, la recente performance dei mercati emergenti ha deluso. Sebbene ci siano stati alcuni momenti positivi nei mercati emergenti (ME), con alcuni paesi dell’America Latina che sono riusciti a ridurre l’inflazione, il Messico che sta vedendo i benefici del nearshoring e la crescita dell’India sorprendente al rialzo, questi paesi sono stati in gran parte oscurati dai dubbi riguardanti La traiettoria di crescita della Cina. Le preoccupazioni relative al problematico settore immobiliare cinese sono riemerse e hanno pesato pesantemente sulla fiducia delle famiglie e sulla disponibilità a spendere. Ciò avviene nello stesso momento in cui l’aumento strutturale della disoccupazione pesa sugli sforzi pluriennali dei politici cinesi per spostare l’economia da un’economia basata sulle esportazioni a un’economia più sostenibile, guidata dai consumi e focalizzata sul mercato interno. In risposta ai problemi odierni, i politici sono stati presi di mira nell’implementazione di misure di stimolo come il sostegno alla liquidità per i promotori immobiliari, l’allentamento di alcune politiche immobiliari e tagli incrementali al tasso di riferimento, come sforzo consapevole per non rigonfiare una bolla. Quindi, anche se ci sono sacche di opportunità nei mercati emergenti, è probabile che le prospettive del gruppo più ampio dipenderanno in gran parte dalla capacità della Cina di ripristinare la fiducia a livello nazionale e globale.

Per una panoramica delle singole regioni, si rimanda alla versione integrale del rapporto (PDF).

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Settembre 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Regolamentare la rivoluzione dell'AI: cosa devono sapere gli investitori
Prossimo Articolo

Settembre 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

I mercati emergenti si muovono al loro ritmo
202309‑3107721

Settembre 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Preparariamoci all'ondata di capitale legata alla sostenibilità

Preparariamoci all'ondata di capitale legata alla sostenibilità

Preparariamoci all'ondata di capitale legata...

Potrebbe eguagliare la portata della Rivoluzione industriale

Di Justin Thomson & Christopher Vost, CFA

Di Justin Thomson & Christopher Vost, CFA