Skip to main content

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Rendimenti interessanti ma spread ridotti: Il dilemma del credito

Dal campo

Anche dopo il rally di fine anno di "Babbo Natale", i rendimenti complessivi di molti settori del credito sono vicini ai massimi pluridecennali, il che rende allettante per i gestori di portafoglio avere allocazioni creditizie sovrappesate per massimizzare l'opportunità di rendimento. Ma gli spread del credito sono relativamente stretti e il rischio di una recessione economica o dei mercati finanziari incombe, per cui i gestori potrebbero scegliere di sottopesare i settori del credito.  

Qual è la soluzione a questo dilemma di costruzione del portafoglio? Credo che la risposta sia quella di affidarsi ancora di più al lavoro del nostro team globale di analisti del credito per trovare selettivamente le posizioni che offrono spread e rendimenti interessanti rispetto alla loro qualità creditizia fondamentale.

Cullati dall'autocompiacimento per i default vicini allo zero

Alcuni investitori fixed income potrebbero essersi lasciati cullare dall'autocompiacimento per il rischio di credito a causa dei tassi di default prossimi allo zero che hanno dominato i mercati a partire dalla crisi finanziaria globale (GFC) del 2008-2009. Anche dopo il blocco dell'economia mondiale all'inizio della pandemia del 2020, i tassi di default non hanno subito un'impennata, poiché i vari programmi di sostegno fiscale del governo hanno colmato il divario di salute finanziaria della maggior parte delle società. Continuo a ritenere più probabile una recessione globale nel 2024, che farebbe aumentare sensibilmente il numero di default.   

Molti emittenti di debito societario sono stati in grado di approfittare dei tassi d'interesse più bassi del 2020 per rifinanziare il loro debito a tassi più elevati. Ma quasi quattro anni dopo, alcune società potrebbero trovarsi di fronte a un "muro" di obbligazioni in scadenza che le costringerà a ricorrere ai mercati per ottenere finanziamenti. In caso di recessione dei mercati finanziari - che ritengo ancora più probabile di una recessione economica - gli spread creditizi aumenterebbero, facendo lievitare il costo delle nuove emissioni e potenzialmente aumentando l'onere del debito per le aziende.

Preferire obbligazioni high yield, prestiti bancari

Se si considera il settore del credito societario in senso lato, le obbligazioni high yield e i prestiti bancari (che di solito hanno un rating non investment-grade) potrebbero essere aree di rischio. La qualità del credito degli emittenti high yield è costantemente migliorata da prima della crisi finanziaria globale. A novembre 2023, il 53% del mercato globale delle obbligazioni high yield1 aveva un rating BB, rispetto al 38% dell'inizio del 2004. Sebbene gli spread di credito delle obbligazioni high yield non siano particolarmente ampi su base storica, la loro combinazione di una migliore qualità del credito e di rendimenti interessanti può rappresentare una buona fonte di esposizione creditizia, anche se un'analisi completa del credito è ancora essenziale a causa del rallentamento della crescita globale. 

...le obbligazioni high yield e i prestiti bancari potrebbero essere aree di rischio...

Ma abbiamo trovato alcune opportunità anche nei titoli societari investment-grade a breve scadenza. I rendimenti di questo segmento a breve scadenza si stanno avvicinando a quelli delle obbligazioni societarie a lungo termine, offrendo un carry interessante abbinato a un minor rischio di credito e di tasso d'interesse grazie alla loro scadenza più breve. Il segmento a lunga scadenza del mercato societario investment-grade, soprattutto negli Stati Uniti, appare decisamente poco attraente per coloro che non sono costretti a comprare in quest'area.

L'analisi fondamentale del credito guida le singole posizioni

Quando si tratta di posizionarsi all'interno di questi settori del credito - che si tratti di credito societario o sovrano, investment-grade o high yield - ci affidiamo al nostro team globale di analisti del credito e di analisti ambientali, sociali e di governance (ESG).2 Il loro lavoro fondamentale, emittente per emittente, guida le nostre posizioni di credito individuali. I nostri gestori di portafoglio a reddito fisso collaborano a stretto contatto con gli analisti del credito settoriale per identificare i nomi che possono offrire valore rispetto ad altri nello stesso sotto-settore o settore e quelli da evitare per mancanza di valore relativo.

Un nuovo segmento di credito: i Blue bond

Vorrei sottolineare un'area specifica di investimento creditizio che abbiamo iniziato ad analizzare di recente. I blue bond forniscono finanziamenti per la salute degli oceani e per i progetti di gestione delle risorse idriche, che sono estremamente necessari per affrontare il degrado degli ecosistemi degli oceani e delle acque interne. Sovrani, banche di sviluppo, quasi sovrani e società possono emettere blue bond per raccogliere capitali destinati a colmare il divario di finanziamento dei progetti che cercano di ottenere benefici ambientali legati all'acqua. 

fornire finanziamenti per progetti di salute degli oceani e di gestione delle risorse idriche...

Sebbene i blue bond rappresentino attualmente solo una piccola fetta del mercato globale del reddito fisso, le dimensioni dell'"economia blu" (settori legati agli oceani) e i problemi che deve affrontare indicano che il mercato dei blue bond potrebbe crescere in modo sostanziale. Secondo le stime della Finance Initiative del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, i settori legati agli oceani contribuiscono all'economia globale per 2,5 trilioni di dollari, sostenendo oltre 30 milioni di posti di lavoro. L'aumento della domanda e dell'offerta di acqua in tutto il mondo ha portato a problemi di accessibilità all'acqua per circa 2 miliardi di persone. Di fronte a questi dati, è difficile opporsi a una partecipazione selettiva a questo nuovo segmento essenziale del mercato del credito.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Investire in Cina: la necessità di accettare le incognite
Prossimo Articolo

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Mettere all'opera il cash nel 2024
202401-3325636

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Is Now the Time to Redeploy Cash?

Is Now the Time to Redeploy Cash?

Is Now the Time to Redeploy Cash?

Historical performance of federal funds interest rate cycle peaks could help investors...

Di Terry Davis & Andrew Wick

Di Terry Davis & Andrew Wick

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Il vantaggio attivo nell'high yield

Il vantaggio attivo nell'high yield

Il vantaggio attivo nell'high yield

L'approccio attivo consente la selezione dei titoli e il posizionamento strategico

Di Kevin Loome & Ashley Wiersma

Di Kevin Loome & Ashley Wiersma