Vai al contenuto

Dicembre 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Azionario globale: al via una nuova era

L'evidenza indica un nuovo percorso di equilibrio da seguire per gli investitori azionari

Punti chiave

  • Dopo un periodo prolungato e insolito periodo di bassa inflazione e tassi di interesse quasi ai minimi, ci troviamo ora su un nuovo percorso di equilibrio. Un percorso in cui l'inflazione rimane appiccicosa e i tassi d'interesse sono più alti. 
  • Un percorso diverso offrirà diverse opportunità in futuro. È fondamentale disporre di un'ampia definizione di crescita, sufficientemente flessibile da potersi concentrare su nuove aree del mercato.
  • Il nostro quadro d'investimento rimane incentrato sull'individuazione di società di qualità che ci permettono di prevedere un miglioramento dei rendimenti economici in futuro, ma senza pagare troppo per esse.

Nel 2023, gli investitori hanno dovuto fare i conti con molteplici venti contrari che avrebbero potuto far deragliare i mercati azionari. Tra questi, una crisi bancaria regionale negli Stati Uniti, un grave rallentamento della Cina e le guerre in corso in Ucraina e in Medio Oriente. A ciò si aggiungono 500 punti base di aumenti cumulativi dei tassi d'interesse, una curva dei rendimenti profondamente invertita e una litania di altri indicatori economici cupi. Eppure, nonostante i momenti di volatilità, i mercati azionari hanno resistito sorprendentemente bene. Le società tecnologiche a grande capitalizzazione, in particolare le cosiddette Magnifiche Sette (Apple, Microsoft, Alphabet, Amazon, NVIDIA, Meta Platforms e Tesla), hanno ottenuto risultati ancora migliori. 

Cosa c'è dietro questa apparente contraddizione? Negli Stati Uniti, la crescita economica ha costantemente superato le aspettative, allontanando una recessione molto attesa. Inoltre, non abbiamo vissuto un ciclo di credito "normale". Negli Stati Uniti, sia le aziende che i consumatori hanno estinto il loro debito negli ultimi anni a livelli di tassi d'interesse estremamente bassi. La politica fiscale, nel frattempo, ha sostenuto l'economia attraverso la spesa per le infrastrutture, in molti casi per considerazioni geopolitiche, e con misure di stimolo per aiutare durante la pandemia di coronavirus. I consumatori hanno raccolto i frutti dell'aumento dei risparmi e dell'accelerazione dei salari reali, bloccando al contempo i tassi bassi sulle spese più importanti: i mutui. In poche parole, i rialzi dei tassi della Fed non sono stati vincolanti e non hanno ostacolato l'economia in modo sostanziale. Quanto durerà è una questione completamente diversa, ma è così che siamo arrivati al punto in cui ci troviamo oggi. 

Un nuovo percorso di equilibrio per le azioni?

A nostro avviso, ci troviamo in un contesto diverso da quello che ha sostenuto le azioni per gran parte del periodo successivo alla crisi finanziaria globale. Il percorso di equilibrio è cambiato e gli investitori azionari devono adattarsi. 

Tra la crisi finanziaria globale e la pandemia di coronavirus, il percorso di equilibrio era deflazionistico: un'inflazione bassa creava un'inflazione ancora più bassa. Ciò è stato dimostrato nel settore energetico, quando il basso costo del capitale e la rivoluzione tecnologica del fracking hanno portato a un aumento delle trivellazioni e alla vendita di più petrolio a prezzi più bassi. Un ciclo di inflazione più bassa e tassi più bassi ha creato un ciclo di feedback continuo di abbondanza. Questa dinamica non era isolata all'industria del petrolio e del gas. Si è estesa a tutti i settori e a tutte le economie, creando un paradiso per gli investimenti di crescita, soprattutto per quelli di durata.

Il ciclo si è spostato e ora ci troviamo su un nuovo percorso di equilibrio. Un percorso in cui vediamo l'inflazione rimanere appiccicosa, nonostante i recenti cali, e i tassi di interesse mantenersi a livelli più alti più a lungo. La crisi finanziaria globale ci ha portato su un sentiero di inflazione e tassi più bassi. Ora, la pandemia, la risposta della politica fiscale e i problemi della catena di approvvigionamento ci hanno spinto su questo nuovo percorso, che probabilmente porterà a un ciclo di feedback continuo di scarsità.

Anche in questo caso, sottolineiamo l'industria petrolifera e del gas, dove nonostante i prezzi del petrolio siano saliti solidamente dal minimo dell'estate 2023, il numero di impianti di perforazione negli Stati Uniti è in calo. Perché? Perché l'aumento dei costi di finanziamento, la carenza di manodopera, l'aumento dei costi di trasporto, le pressioni ambientali, sociali e di governance (ESG) e il consolidamento del settore hanno spinto la curva dei costi del petrolio significativamente più in alto. Ciò richiede che i prezzi del petrolio siano più alti per incentivare le aziende ad accelerare le trivellazioni. 

Queste dinamiche creano le premesse perché l'inflazione rimanga appiccicosa, insieme all'aumento dei tassi d'interesse, fino a quando non saremo sconvolti da questo percorso. Ciò richiederebbe una recessione e un alto tasso di disoccupazione, ma non è previsto a breve termine. Poiché la Federal Reserve statunitense non è in grado di creare un ciclo del credito, ma è anche improbabile che tagli i tassi in modo aggressivo in un anno di elezioni, ci aspettiamo tassi a breve termine più elevati per un periodo più lungo, fino a quando l'eccesso di liquidità derivante dalla pandemia non sarà eliminato dal sistema.

Scarica l'intero report (PDF)

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Dicembre 2023 / ASSET ALLOCATION VIEWPOINT

Asset allocation globale: Lo scenario visto dall'Europa
Prossimo Articolo

Gennaio 2024 / MARKETS & ECONOMY

Small cap USA, opportunità all'orizzonte
202312-3234486

Dicembre 2023 / MARKET OUTLOOK

Ampliare gli orizzonti azionari

Ampliare gli orizzonti azionari

Ampliare gli orizzonti azionari

L'Intelligenza artificiale sarà il motore delle azioni tech, ma è necessario non...

Di Arif Husain, Justin Thomson & Sebastien Page

Di Arif Husain, Justin Thomson & Sebastien Page