Skip to main content

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Il vantaggio attivo nell'high yield

L'approccio attivo consente la selezione dei titoli e il posizionamento strategico

Punti chiave

  • A nostro avviso, la gestione attiva delle obbligazioni high yield offre diversi vantaggi rispetto a un approccio passivo.
  • Rispetto alle azioni, i mercati obbligazionari presentano complessità intrinseche che rendono difficile e costoso replicare la composizione di un indice.
  • La gestione attiva consente l'analisi fondamentale dell'intero universo high yield e la possibilità di riposizionare strategicamente il portafoglio.

A nostro avviso, la gestione attiva delle obbligazioni high yield presenta diversi vantaggi importanti. Consente l'analisi fondamentale e la selezione dei titoli nell'intero universo high yield, nonché la capacità di riposizionare strategicamente il portafoglio per trarre vantaggio dalle tendenze macro o per capitalizzare le opportunità di valore relativo.

Adottiamo un approccio attivo, flessibile e concentrato al mercato high yield e cerchiamo di generare alfa1 attraverso un portafoglio ad alta convinzione delle migliori idee. Il nostro approccio attivo è supportato da una ricerca proprietaria sul credito fondamentale condotta da un team esperto e collaborativo di professionisti dell'investimento che si concentra esclusivamente sul mercato high yield. Riteniamo che il nostro approccio attivo all'high yield possa contribuire a migliorare i risultati degli investitori e a mitigare i rischi di ribasso nel lungo periodo.

Gli indici high yield sono difficili da replicare

L'investimento passivo in titoli high yield presenta degli svantaggi. In particolare, rispetto alle azioni, i mercati obbligazionari presentano complessità intrinseche che rendono difficile e costoso replicare la composizione di un indice o i suoi rendimenti:

Universo di investimento ampio e complesso: A differenza delle azioni, che hanno un unico simbolo, gli emittenti obbligazionari hanno in genere più emissioni sul mercato. Mentre l'indice S&P 500 ha circa 500 componenti, l'ICE BofA U.S. High Yield Constrained Index è composto da 1.872 emissioni di circa 886 emittenti2.

Costi e complessità del trading: Le negoziazioni di titoli a reddito fisso ad alto rendimento continuano a essere condotte in larga misura fuori borsa piuttosto che in borsa come le azioni. Di conseguenza, i costi di negoziazione sono relativamente elevati e rendono costosa la costruzione e la gestione di un portafoglio passivo contenente centinaia di emissioni. Questo aspetto è particolarmente impegnativo per i fondi passivi negoziati in borsa (ETF), poiché molti investitori tendono a utilizzare tali strumenti per posizionamenti tattici a breve termine, che comportano frequenti operazioni di entrata e uscita dal mercato e probabilmente a costi più elevati.

Elevato turnover: Gli indici di riferimento obbligazionari hanno registrato un turnover significativamente più elevato rispetto alla maggior parte degli indici azionari. Le nuove emissioni, le scadenze obbligazionarie, le azioni societarie come le offerte d'asta e gli aggiornamenti e i declassamenti del rating del credito sono tutti fattori che hanno fatto sì che la composizione dell'ICE BofA U.S. High Yield Constrained Index cambi continuamente, determinando un turnover dell'indice più elevato rispetto alle azioni.

Requisiti di dimensione minima: La maggior parte degli ETF passivi di grandi dimensioni impone requisiti dimensionali minimi, come un importo nominale in circolazione di almeno 1 miliardo di dollari USA a livello di emittente o un valore nominale in circolazione di 400 milioni di dollari USA a livello di emissione. Queste restrizioni possono ridurre notevolmente l'universo investibile e possono far sì che le partecipazioni degli ETF passivi si concentrino sulle obbligazioni più grandi e più liquide dell'indice.

Di conseguenza, il tracking error delle strategie high yield a gestione passiva tende a essere elevato rispetto a quello delle azioni ed è stato difficile per le strategie passive sovraperformare su periodi di tempo più lunghi.

Come i gestori attivi possono aggiungere valore

Il mercato high yield offre ai gestori attivi una serie di opportunità interessanti per aggiungere valore. Nel paper di seguito illustriamo solo alcuni dei modi in cui cerchiamo di aggiungere valore attraverso la gestione attiva.

Scarica l'intero articolo (PDF).

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Gennaio 2024 / ASSET ALLOCATION VIEWPOINT

Asset allocation globale: Lo scenario visto dall'Europa
Prossimo Articolo

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

È il momento giusto per riallocare la liquidità?
202312-3278512

Gennaio 2024 / INVESTMENT INSIGHTS

Come il credito dinamico può mitigare il rischio di ribasso

Come il credito dinamico può mitigare il rischio di ribasso

Come il credito dinamico può mitigare il...

Come gestire le flessioni del mercato attraverso la diversificazione del reddito...

Di Wyatt Lee & Saurabh Sud

Di Wyatt Lee & Saurabh Sud