Skip to main content
Skip to content

Agosto 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Proxy-voting 2023: il riassunto

Un approfondimento sulle principali tendenze dell’attività di voto per delega di T. Rowe Price nell’ultimo anno

Sintesi

In questo rapporto sintetizziamo l'attività di voto per delega di  T. Rowe Price Associates (TRPA) per il periodo di 12 mesi conclusosi il 30 giugno 2023. Il nostro obiettivo è mettere in evidenza alcune delle questioni critiche in materia di governance societaria durante il periodo e offrire un approfondimento sul nostro approccio alle decisioni di voto in queste importanti aree. Non si tratta di un elenco completo di tutti i voti per delega espressi nel corso dell’anno, ma di una sintesi dei temi più importanti.

Decisioni attente che portano alla creazione di valore

In T. Rowe Price, il voto per delega è parte integrante del processo di investimento e una componente essenziale dell’attività di stewardship che svolgiamo per conto dei nostri clienti. Nel decidere come votare, favoriamo le azioni che riteniamo possano accrescere il valore delle società in cui investiamo e ci opponiamo alle azioni o alle politiche che consideriamo contrarie agli interessi degli azionisti. Analizziamo le questioni relative al voto adottando per ogni società un approccio specifico basato sul nostro processo d’investimento. Di conseguenza, non trasferiamo la responsabilità delle nostre decisioni di voto a terze parti. Inoltre, le nostre linee guida per il voto offrono una flessibilità che ci consente di tenere conto delle differenze regionali nelle pratiche e delle circostanze specifiche delle società. 

La seguente tabella è un'ampia sintesi di alcuni dei nostri modelli e risultati di voto per delega per il periodo di riferimento che va dal 1° luglio 2022 al 30 giugno 2023, per i nostri portafogli azionari globali.

Sintesi dei principali punti della proposta

Sintesi dei principali punti della proposta

* TRPA si impegna a votare tutte le schede di cui ha diritto. In rare occasioni, presentiamo schede con l'indicazione di non votare, per motivi tecnici. Principalmente, si tratta di situazioni in cui (1) vi è un'elezione contestata con più schede e possiamo votare solo su una, o (2) paesi in cui gli investitori devono rinunciare alla possibilità di negoziare le proprie azioni per poter votare di negoziare le proprie azioni per poter votare.

Temi dei risultati delle votazioni

Le categorie sopra elencate rappresentano un sottoinsieme dell’attività di voto complessiva nel periodo di riferimento che evidenzia i temi di voto più diffusi e significativi. Nella sezione che segue illustriamo in dettaglio alcune di queste categorie.

Nel periodo considerato, abbiamo individuato due principali tendenze distinte, ma correlate. La prima è una riduzione dei livelli complessivi di sostegno alle proposte degli azionisti di natura ambientale o sociale. La seconda è l'ampliamento delle nostre linee guida di voto per riflettere le diverse esigenze dei nostri clienti investitori che scelgono mandati di investimento che pongono l'accento non solo sui rendimenti finanziari ma anche sull'impatto ambientale o sociale.

Proposte sociali, ambientali e politiche

Sebbene le risoluzioni degli azionisti possano essere uno strumento efficace per promuovere il cambiamento in determinate circostanze, nella maggior parte dei casi riteniamo che l'impegno diretto e l'elezione degli amministratori siano modi più mirati per gli investitori di esprimere riserve sulla supervisione di un consiglio di amministrazione su questioni strategiche, finanziarie, di capitale umano, ambientali o di altro tipo relative alla performance dell'azienda.

Negli ultimi due anni, questioni come la giustizia razziale, la disuguaglianza di reddito, la sicurezza dei lavoratori e il cambiamento climatico hanno avuto grande risalto nel settore aziendale a causa di una confluenza di eventi, tra cui la pandemia di coronavirus. Nel 2021 le risoluzioni degli azionisti che affrontavano tali questioni hanno ricevuto un sostegno superiore alla media da parte di alcuni investitori e una maggiore visibilità rispetto agli anni precedenti, anche se questi livelli di sostegno hanno iniziato a diminuire nel 2022.

Nell'ultima stagione di voto per delega, il sostegno degli investitori a tali risoluzioni è stato relativamente basso. Le ragioni di questo risultato sono molteplici. La situazione è iniziata quando la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha deciso di consentire l'avanzamento di un maggior numero di proposte su una gamma più ampia di temi ambientali e sociali. Da allora, il numero di risoluzioni ambientali e sociali votate dalle società dell'indice S&P 1500 è aumentato del 74%, passando dalle 170 della stagione 2021 alle 296 di quest'anno.

La forza di attrazione che molte di queste risoluzioni hanno ottenuto nel 2021 sembra aver attirato non solo una nuova serie di proponenti nei due anni successivi, ma ha anche ispirato i proponenti più esperti ad ampliare i loro temi di advocacy. La nostra osservazione è che l'aumento del volume delle proposte ha portato a una diminuzione della loro qualità complessiva. Abbiamo osservato un numero maggiore di imprecisioni nelle proposte, di risoluzioni poco mirate e di proposte che affrontavano questioni non fondamentali. Inoltre, abbiamo osservato un netto aumento del livello di richieste prescrittive. I proponenti sono passati rapidamente da richieste basate sulla divulgazione di informazioni che richiedono un'ulteriore rendicontazione su questioni ambientali, sociali e di governance (ESG) a richieste basate sull'azione che richiedono impegni specifici, investimenti di capitale o cambiamenti strutturali da parte delle società interessate.

Il nostro punto di vista su queste proposte prescrittive è che esse usurpano la responsabilità del management di prendere decisioni operative e la responsabilità del Consiglio di amministrazione di guidare e supervisionare tali decisioni. Il nostro quadro generale per determinare come votare su queste proposte utilizza una lente incentrata sull'economia e sui rendimenti. Non crediamo che sia coerente con i nostri doveri fiduciari sostenere proposte che, intenzionalmente o meno, sono concepite per imporre all'azienda requisiti onerosi che non hanno un chiaro percorso di creazione di valore a lungo termine.

In questo contesto di attività da parte degli azionisti, i cambiamenti nel panorama geopolitico hanno spinto gli investitori e gli emittenti ad ampliare la portata delle precedenti discussioni sulla forma che potrebbe assumere la transizione energetica e sull'importanza della sicurezza energetica.

Un altro importante sviluppo degli ultimi tre anni è il ritmo con cui gli emittenti hanno raccolto e divulgato dati rilevanti per le decisioni in materia ambientale e sociale. Quando l'informativa ESG di una società è sufficientemente completa e quantitativa da soddisfare le nostre esigenze di investitori, siamo meno propensi a sostenere le risoluzioni degli azionisti che chiedono un'informativa aggiuntiva.

Infine, quest'anno si è registrato un netto aumento dell'attività dei gruppi di difesa noti per essere critici nei confronti dell'utilizzo delle considerazioni ESG nel processo decisionale aziendale. In precedenza, queste contro-risoluzioni ESG erano rare, ma finora nel 2023 ne abbiamo votate decine nei nostri portafogli.

Leggi l'intero documento riassuntivo

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Agosto 2023 / MARKETS & ECONOMY

L'economia cinese subisce nuove pressioni
Prossimo Articolo

Agosto 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Riassunto delle votazioni per delega 2023 di TRPIM
202308‑3073486

Agosto 2023 / INVESTMENT INSIGHTS

Riassunto delle votazioni per delega 2023 di TRPIM

Riassunto delle votazioni per delega 2023 di TRPIM

Riassunto delle votazioni per delega 2023...

Principali trend dell'attività di voto per delega di T. Rowe Price Investment Management...

Di Christopher Whitehouse

Christopher Whitehouse Head of ESG, T. Rowe Price Investment Management