Skip to main content
Skip to content

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Il ritorno del rendimento

I rendimenti sono interessanti in determinati mercati ed esistono opportunità di acquisto, ma gli investitori dovranno prestare attenzione alla volatilità.

Quello che è stato un anno particolarmente difficile per i mercati obbligazionari si conclude con una nota positiva per gli investitori: i rendimenti del reddito fisso sono saliti a livelli tra i più interessanti dalla crisi finanziaria globale.

Il rialzo dei rendimenti (Figura 4, a sinistra) si è riflesso in un sensibile miglioramento delle valutazioni dei titoli sovrani e privati, con molti segmenti che a fine novembre vendevano a livelli prossimi o inferiori alle medie storiche su 15 anni (Figura 4, a destra).

Inoltre, i titoli di qualità più elevata nei segmenti mortgage-backed e asset-backed stanno attirando afflussi da parte di investitori desiderosi di far fruttare la liquidità o di estendere la duration (una misura della sensibilità ai tassi d’interesse), aggiunge McCormick.

“È la prima volta da oltre un decennio che si presenta l’opportunità di ottenere rendimenti a una sola cifra elevati”, afferma McCormick. “Ogni volta che vi è un segnale di un possibile rallentamento del ritmo da parte della Fed o di un possibile raggiungimento del picco di inflazione, vediamo il denaro affluire sul mercato.”

Secondo McCormick e Page, le obbligazioni high yield potrebbero offrire opportunità di rendimento particolarmente interessanti nel 2023. Sebastien Page cita tre potenziali fattori positivi:

  • Gli spread creditizi – ossia la differenza di rendimento tra i titoli privati e Treasury USA con scadenze analoghe - si sono ampliati, mentre i tassi di default sono rimasti relativamente bassi.
  • I bilanci delle società sono complessivamente in buona salute.
  • Gli emittenti del settore energetico rappresentano una quota minore del debito high yield statunitense rispetto al passato, il che contribuisce a ridurre la vulnerabilità ai default.

Page riconosce che in caso di recessione dell’economia statunitense i tassi di default aumenteranno quasi certamente. Ma sarebbe necessario un bel balzo per annullare il vantaggio di rendimento accumulato negli spread attuali. “Se non ci sarà una profonda recessione, l’high yield statunitense continuerà ad offrire solide opportunità”.

A fine novembre, secondo McCormick, gli analisti del credito di T. Rowe Price prevedevano un aumento dei tassi di default statunitensi a poco meno del 3% per le obbligazioni high yield e a poco più del 3% per i prestiti bancari a tasso variabile nel 2023, una percentuale significativamente inferiore agli attuali spread creditizi. Questa previsione presuppone che l’economia statunitense affronti una lieve recessione.

Il mercato ribassista dei titoli obbligazionari ha favorito sia i rendimenti che le valutazioni relative

(Fig. 4) Rendimenti degli indici aggregati obbligazionari e high yield; valutazioni obbligazionarie rispetto alla media storica

La performance passata non è un indicatore attendibile della performance futura.
Rendimenti al 25 novembre 2022. Valutazioni al 30 novembre 2022. Sugetto a variazioni.
*Treasury. USA = titolo a 10 anni, Bund tedesco = Bund a 10 anni, UK = Gilt a 10 anni, JGB = titolo di Stato giapponese a 10 anni, Corp. IG USA = Bloomberg U.S.
Investment Grade Corporate Index, Corp. IG Europa = Bloomberg EuroAggregate Credit Index, High Yield USA = Bloomberg U.S. Aggregate Credit–Corporate High
Yield Index, High Yield globale = Bloomberg Global High Yield Index, Debito dei mercati emergenti = Bloomberg Emerging Markets USD Aggregate Index.
Fonti: Bloomberg Financial L.P. e Bloomberg Index Services Limited (cfr. Infiormativa aggiuntiva). Analisi di T. Rowe  di dati provenienti di FactSet Research
Systems Inc. All rights reserved.

Le prospettive per l'high yield europeo sono più caute. Sebbene i rendimenti siano migliorati, la proposta di valore è meno convincente per via del contesto economico.

I mercati illiquidi potrebbero essere volatili

La liquidità dei mercati è peggiorata nel 2022 in seguito all’accelerazione della stretta monetaria. Con la riduzione dei bilanci delle banche centrali nel 2023 saranno necessari nuovi acquirenti. Ma l’inasprimento delle regole patrimoniali introdotto successivamente alla crisi finanziaria globale ha reso più difficile per gli intermediari obbligazionari operare come fornitori di liquidità.

“Abbiamo già registrato periodi di illiquidità in alcuni mercati di alta qualità, come i gilt britannici e i Treasury statunitensi”, osserva McCormick. “Riteniamo che il rischio di ulteriori episodi rimanga elevato”.

Ma la scarsa liquidità e la volatilità dei prezzi possono creare opportunità per gli investitori a lungo termine, fa notare McCormick. Il mercato delle obbligazioni municipal statunitensi, ad esempio, ha registrato diversi mesi di deflussi a fine 2022, quando gli investitori hanno accumulato perdite fiscali e si sono riposizionati in vista di un aumento dei tassi.

Abbiamo già registrato periodi di illiquidità in alcuni mercati di alta qualità....Riteniamo che il rischio di ulteriori episodi rimanga elevato.

- Andrew McCormick Head of Global Fixed Income and Chief Investment Officer

Secondo McCormick, le condizioni creditizie del mercato dei municipal appaiono solide. Le amministrazioni statali e comunali hanno ricevuto il sostegno federale nei periodi di lockdown dovuti alla pandemia e hanno visto aumentare il gettito fiscale alla riapertura delle attività. Alla luce di questi elementi fondamentali, a fine novembre i rendimenti e gli spread dei municipal rimanevano interessanti rispetto agli standard storici, attirando nuovamente gli acquirenti sul mercato.

Diversificazione in un mondo inflazionistico

Secondo Page, la maggiore volatilità ha importanti implicazioni anche per la costruzione dei portafogli. Ma la chiave di volta è la fonte di tale volatilità e il suo impatto sulle correlazioni degli asset.

Storicamente, secondo Page, i rendimenti delle azioni e dei Treasury USA tendono a muoversi nella stessa direzione quando le preoccupazioni per l’inflazione e i tassi di interesse sono elevate, come nel 2022. Il che può annullare i vantaggi di diversificazione offerti dai Treasury.

Tuttavia, quando le preoccupazioni per la crescita economica sono al primo posto, i rendimenti possono muoversi in direzioni opposte, rafforzando i vantaggi di diversificazione dei Treasury.

Il 2023 sarà dominato dalle preoccupazioni per la crescita e i Treasury potrebbero riprendere il loro ruolo tradizionale di diversificatori dei portafogli, prevede Page. Ma nel lungo periodo, potrebbero essere necessari strumenti diversi. Tra questi:

  • “Strutture “a bilanciere” che suddividano le allocazioni obbligazionarie tra posizioni long sui Treasury e i diversificatori del reddito fisso come l’high yield, il tasso variabile e il debito dei mercati emergenti.
  • Strategie alternative che mirano a ottenere rendimenti assoluti positivi.
  • Azioni di asset reali, come energia, immobili, metalli e titoli minerari.
  • Strategie azionarie che potenzialmente offrono un’attenuazione del rischio di ribasso in contesti inflazionistici nel momento in cui i Treasury non possano svolgere questo ruolo.

A scopo esclusivamente illustrativo. Le presenti informazioni non devono essere considerate come una consulenza finanziaria o una raccomandazione a intraprendere un’azione di investimento specifica.

Scarica la versione integrale di Global Market Outlook qui

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Un atto di equilibrismo economico
Prossimo Articolo

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Deglobalizzazione in un mondo interconnesso
202212-2620300

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone escluso)

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone escluso)

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone...

Costruire pazientemente posizioni a lungo termine

Di Anh Lu

Anh Lu Portfolio Manager

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

“Come dovrebbe essere la situazione” rispetto a “Ciò che probabilmente accadrà”.

Di Wenli Zheng

Wenli Zheng Regional Portfolio Manager

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Il diverso orientamento politico, rispetto agli altri principali mercati, ha ampie...

Di Archibald Ciganer

Archibald Ciganer Portfolio Manager