Skip to main content

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Un atto di equilibrismo economico

I rialzi aggressivi dei tassi stanno rallentando la crescita economica, ma una flessione profonda su scala globale non è inevitabile.

Le prospettive dell'inflazione e dei tassi d'interesse (figura 2) manterranno un ruolo centrale nel 2023, mentre gli investitori cercano di individuare il punto di arrivo dei tassi e il momento in cui la Fed potrebbe compiere la svolta verso l'allentamento monetario.

L'inflazione al consumo negli Stati Uniti ha perso velocità alla fine del 2022, grazie al parziale ripiego dei prezzi del petrolio e di altre materie prime dai massimi toccati in precedenza quest'anno. Nei settori dei servizi, però, è rimasta vischiosa a causa dei mercati del lavoro contratti che hanno continuato a spingere verso l'alto i costi salariali a un ritmo piuttosto rapido.

"Negli Stati Uniti probabilmente l'inflazione ha raggiunto il picco", stima Thomson, "ma adesso bisogna capire dove si sttesterà e non credo proprio che tornerà al target del 2% stabilito dalla Fed. Sappiamo che per superare uno shock inflativo come questo non bastano mesi, ma possono volerci anni".

L'inflazione vischiosa crea una forte incertezza sul livello massimo a cui arriveranno i tassi d'interesse in questo ciclo di contrazione della Fed.

Ora che sono entrati in territorio "restrittivo", dice McCormick, i banchieri centrali statunitensi potrebbero rallentare il ritmo dei rialzi, ma a giudicare dai mercati dei futures, gli investitori si aspettano ancora che la Fed alzi l'obiettivo per lo strumento monetario principale, ossia il tasso sui fondi federali, portandolo intorno al 5%.

I banchieri della Fed sperano di poter fare una pausa prima o poi per consentire ai rialzi precedenti di produrre effetti sull'economia. Se poi la pausa si trasformerà in una svolta o sarà seguita da altre misure restrittive dipenderà dal rapporto di equilibrio fra i rischi di inflazione e di recessione, ma una netta inversione in senso espansivo nel 2023 sembra improbabile.

Di conseguenza, gli investitori in attesa di un chiaro segnale che la Fed è pronta a tagliare i tassi resteranno ai margini più a lungo di quanto si aspettino attualmente: "Tanti investitori stanno alla finestra sperando in un "pivot" della Fed", "ma è improbabile che accada fintanto che i dati sull'occupazione negli Stati Uniti si confermano robusti".

Un quadro monetario contrastato

Lo scenario di inflazione è più misto in altri mercati avanzati di primo piano, e lo stesso vale per la traiettoria attesa della politica monetaria.

  • In Europa i prezzi dell'energia alle stelle puntano a un'inflazione più ostinata rispetto agli Stati Uniti. Questo mette la Banca centrale europea (BCE) in una situazione difficile: "Le pressioni inflative più intense unite all'alto rischio di recessione saranno un banco di prova non da poco per Francoforte".
  • Le autorità monetarie giapponesi potrebbero accogliere con favore un'inflazione maggiore dei prezzi al consumo, nella speranza che si traduca in crescita dei salari. La Banca del Giappone non sembra intenzionata ad abbandonare la sua versione di allentamento quantitativo, che implica la gestione della curva dei rendimenti per i titoli governativi nipponici.

Le banche centrali stanno faticando a controllare l'inflazione senza spingere l'economia globale in recessione

(Fig. 2) Variazione anno su anno dell'inflazione dei prezzi al consumo e interventi di politica monetaria nel mondo

IPC al 31 ottobre 2022. Interventi monetari al 30 novembre 2022.
*Numero di tagli e di rialzi dei tassi d'interesse effettuati da tutte le banche centrali del mondo.
Fonti: Bloomberg Finance L.P. e Bloomberg Index Services Limited, CBRates.com (si veda l'Informativa aggiuntiva).

Secondo Thomson, nel lungo periodo ci sono vari fattori strutturali destinati a spingere gli Stati Uniti e altre grandi economie avanzate verso un'inflazione più alta. Ecco quali.

  • La crescita lenta o negativa della popolazione in molti paesi sviluppati, aggravata dai tassi di partecipazione alla forza lavoro inferiori.
  • La rilocalizzazione delle catene di fornitura globali, che potrebbe ridurre l'efficienza della produzione.
  • La pressione della domanda dovuta a una spesa in conto capitale consistente per la transizione verso fonti energetiche sostenibili.
  • La maggiore propensione alla spesa finanziata in deficit da parte di molti governi del mondo avanzato.

La forza del dollaro potrebbe essere messa alla prova

I rialzi dei tassi da parte della Fed hanno contribuito all'impennata del dollaro USA (USD) nel 2022, creando condizioni più difficili per i debitori non statunitensi sia pubblici che privati che fanno affidamento sui finanziamenti in USD; ma non è altrettanto chiaro se questa tendenza continuerà nel 2023.

"Il dollaro è quotato da sempre come un asset esente da rischio. L'aspetto insolito questa volta è stato il vigore persistente nei confronti di altre valute di mercati sviluppati importanti".

Secondo le sue stime, pur essendo in parte arretrato nell'ultimo trimestre del 2022, a fine novembre lo USD risultava ancora sopravvalutato del 35-50% contro euro, yen e sterlina britannica, a parità di potere d'acquisto.

I tassi di cambio possono sfidare i fondamentali per lunghi periodi, ma dato il livello di sopravvalutazione, nel 2023 il dollaro potrebbe facilmente essere spinto verso il basso da qualche sorpresa economica, come una svolta della Fed prima del previsto. "Ci aspetteremmo un dollaro più debole e penso a cosa potrebbe significare per la costruzione del portafoglio".

A scopo esclusivamente illustrativo. Le presenti informazioni non devono essere considerate come una consulenza finanziaria o una raccomandazione a intraprendere un’azione di investimento specifica.

Scarica qui la versione integrale del Global Market Outlook 2023

 

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Prospettive per il mercato cinese nel 2023
Prossimo Articolo

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Il ritorno del rendimento
202212-2620300

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone escluso)

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone escluso)

Prospettive di mercato 2023 per l'Asia (Giappone...

Costruire pazientemente posizioni a lungo termine

Di Anh Lu

Anh Lu Portfolio Manager

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

Prospettive per il mercato cinese nel 2023

“Come dovrebbe essere la situazione” rispetto a “Ciò che probabilmente accadrà”.

Di Wenli Zheng

Wenli Zheng Regional Portfolio Manager

Dicembre 2022 / MARKET OUTLOOK

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Giappone: ancora delicatamente in bilico

Il diverso orientamento politico, rispetto agli altri principali mercati, ha ampie...

Di Archibald Ciganer

Archibald Ciganer Portfolio Manager