Skip to main content

Febbraio 2021 / VIDEO

Come può la Cina continuare a crescere?

Debito crescente e guerra commerciale tra le sfide del 2021

Non è un segreto che la Cina debba affrontare una serie di venti contrari, tra cui il rallentamento della crescita, un elevato rapporto debito/PIL, invecchiamento della popolazione e Covid-19.

Ma molto è cambiato dallo scoppio dell'epidemia di Covid-19 più di un anno fa. Con un tasso di crescita annuo del 2,3% per il 2020, la Cina è l'unica grande economia a essere cresciuta nel 2020. I dati ufficiali del National Bureau of Statistics mostrano che il PIL è aumentato del 6,5% nel quarto trimestre dello scorso anno.

Per quanto riguarda l'azionario cinese, tuttavia, gli aggregati di reddito nominale come i redditi delle famiglie e la ricchezza rappresentano metriche di crescita più importanti della crescita del PIL. Questa è una buona notizia per gli investitori poiché la classe media in Cina continua a crescere. Secondo Herald van der Linde di HSBC, responsabile della strategia azionaria, Asia-Pacifico, 47 milioni di cinesi vivono già in famiglie con un reddito annuo superiore a 50.000 dollari statunitensi2.

Wenli Zheng, gestore di T. Rowe Price, si aspetta che questo numero aumenti oltre quattro volte nei prossimi 20 anni, cosa che potrebbe della storia dei consumi in Cina, "una delle più entusiasmanti al mondo per gli investitori azionari".

"La Cina rimarrà un'economia in crescita nel prossimo decennio e, man mano che apriranno i loro mercati, gli investitori vorranno una maggiore esposizione", ritiene Edward Moya, analista di mercato presso Oanda. A suo parere gli investitori si concentreranno sulla trasformazione del Paese in un'economia guidata dai consumi.

Ma la transizione da un modello economico basato su capitali fissi ed esportazioni di basso valore a un'economia guidata dai consumi interni ha portato la Cina a rallentare la sua crescita. Dai dati importanti a due cifre, la crescita del PIL pre-pandemia si è attestata a un livello più sostenibile del 6,1% nel 2019.3

Chris Kushlis, analista dei mercati emergenti sovrani in T. Rowe Price, ha dichiarato: "Dal 2006 circa, il governo cinese ha iniziato a cercare di riequilibrare l'economia, allontanandosi da un modello prevalentemente orientato all'esportazione, verso un modello più domestico. Questo cambiamento è finalizzato all'ingegnerizzazione di una crescita più sostenibile e a lungo termine. Un ulteriore rallentamento del tasso di crescita appare probabile in questa fase di transizione".

L'ascesa della classe media

Oggi, la crescita della Cina è trainata principalmente dalla costante espansione della ricca classe media, che è stata particolarmente vantaggiosa per le aree dell'economia guidate dai consumi, tra cui l'istruzione, il turismo, le assicurazioni e le automobili.

Anche l'e-commerce è in piena espansione. La Cina continua ad essere il più grande mercato al dettaglio online, con ricavi che dovrebbero crescere fino a oltre 1,4 milioni di dollari nel 2024.4 Solo nel 2020, il 24,9% delle vendite totali al dettaglio nel Paese è stato effettuato online, in aumento rispetto al 20,7% del 2019.5

Allo stesso tempo, la Cina sta trovando risposte al problema dell'invecchiamento della popolazione negli sviluppi farmaceutici. Con oltre 4.000 operatori, la Cina rappresenta il secondo mercato farmaceutico più grande a livello globale, con un vasto potenziale di crescita alimentato da iniziative governative.6

La transizione economica ha anche comportato un allontanarsi dalle imprese statali, con il settore privato cinese che ha contribuito per oltre il 60% del PIL.7 Ciò porta a una maggiore attenzione alla governance societaria, alla trasparenza e alla qualità della gestione delle imprese.

Apertura agli investimenti esteri

Allo stesso tempo, il mercato cinese si sta aprendo agli investimenti internazionali. L'inclusione delle A-Shares nazionali nei benchmark azionari globali FTSE Russell a partire da giugno 2019, nonché lo schema Bond Connect svelato nel 2017 e lo schema Shanghai/Hong Kong Stock Connect lanciato nel 2014 stanno spingendo gli investimenti diretti esteri (IDE) in un paese che storicamente è stato difficile da accedere per gli investitori internazionali.

La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo suggerisce che la Cina è stata il più grande beneficiario di IED al mondo nel 2020, con un aumento del 4% degli afflussi a 163 miliardi di dollari americani. Ciò è in netto contrasto con gli IED globali, che sono diminuiti del 42% l'anno scorso.

È improbabile che l'acquisto di azioni e obbligazioni cinesi rallenti presto. Con l'economia cinese completamente ripresa ai livelli pre-pandemia, i politici hanno rivolto la loro attenzione alla riduzione del crescente onere del debito del Paese. Le autorità si sono recentemente mosse per arrestare il livello di indebitamento in aumento. 

Negli ultimi mesi, la banca centrale ha anche adottato una posizione più conservatrice - lontana dai coefficienti di riserva e dai tagli dei tassi di interesse - che riflette il ritorno del Paese alla normalità. Dopotutto, la Banca Popolare Cinese ha molte armi nel suo arsenale per aiutare a gestire e garantire la stabilità dell'economia cinese per tutto il 2021 e oltre.

I Mercati Emergenti sono meno stabili e quindi considerati più rischiosi. 

IMPORTANT INFORMATION

This material is being furnished for general informational and/or marketing purposes only. The material does not constitute or undertake to give advice of any nature, including fiduciary investment advice, nor is it intended to serve as the primary basis for an investment decision. Prospective investors are recommended to seek independent legal, financial and tax advice before making any investment decision. T. Rowe Price group of companies including T. Rowe Price Associates, Inc. and/or its affiliates receive revenue from T. Rowe Price investment products and services. Past performance is not a reliable indicator of future performance. The value of an investment and any income from it can go down as well as up. Investors may get back less than the amount invested.

The material does not constitute a distribution, an offer, an invitation, a personal or general recommendation or solicitation to sell or buy any securities in any jurisdiction or to conduct any particular investment activity. The material has not been reviewed by any regulatory authority in any jurisdiction.

Information and opinions presented have been obtained or derived from sources believed to be reliable and current; however, we cannot guarantee the sources' accuracy or completeness. There is no guarantee that any forecasts made will come to pass. The views contained herein are as of the date noted on the material and are subject to change without notice; these views may differ from those of other T. Rowe Price group companies and/or associates. Under no circumstances should the material, in whole or in part, be copied or redistributed without consent from T. Rowe Price.

The material is not intended for use by persons in jurisdictions which prohibit or restrict the distribution of the material and in certain countries the material is provided upon specific request.  

It is not intended for distribution to retail investors in any jurisdiction.

Articolo precedente

Febbraio 2021 / INVESTMENT INSIGHTS

Mercati emergenti, tra sfide e opportunità
Prossimo Articolo

Febbraio 2021 / VIDEO

Guadagnare con il debito emergente
202102-1523384

Gennaio 2021 / MARKET OUTLOOK

Cina: cosa aspettarsi dal 2021?

Cina: cosa aspettarsi dal 2021?

Cina: cosa aspettarsi dal 2021?

A nostro avviso possiamo attenderci un continuo miglioramento dei fondamentali.

Di Wenli Zheng

Wenli Zheng Regional Portfolio Manager

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.