Skip to main content

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Strada per una sostenibilità globale

Gli investimenti in sostenibilità potrebbero spingere la crescita nel 2022

Secondo gli esperti di T. Rowe Price, supply chain vulnerabili, infrastrutture fatiscenti, prezzi dell'energia più alti e la necessità di ridurre le emissioni di carbonio hanno contribuito a spingere la sostenibilità in prima linea nell'agenda politica globale. Questo potrebbe stimolare nel 2022 gli investimenti pubblici e privati, sostenendo la crescita economica.

Per Justin Thomson “è possibile che ci troviamo di fronte a un cambio di paradigma”. “Si può fare l'esempio di un periodo di alto Capex [spesa in conto capitale]”. 

Le aziende globali sembrano avere ampie risorse per finanziare gli investimenti, grazie agli utili importanti, al contenimento delle spese durante la pandemia e all'aumento dei prestiti a basso costo. Le disponibilità liquide delle società dell'indice S&P 500, per esempio, ammontavano a quasi 2 trilioni di dollari alla fine di settembre 2021.

Le spese aziendali per gli investimenti è stata contenuta negli ultimi decenni, in parte perché le nuove tecnologie hanno permesso di aumentare la produttività e la redditività senza grossi esborsi di capitale.

Ma il quadro potrebbe cambiare. La ripresa ha favorito un'accelerazione ciclica del capex nel 2021. La spinta alla sostenibilità, potrebbe generare un'ondata più estesa di investimenti in infrastrutture (porti, autostrade, reti elettriche, ecc) e nella produzione di beni capitali. Thomson identifica diversi driver che potrebbero guidare le spese in conto capitale, tra cui:

  • Raggiungere l'obiettivo di zero emissioni di carbonio entro il 2050 richiederà forti investimenti nei servizi pubblici, nelle tecnologie verdi e nel settore automobilistico.
  • I porti e le flotte marittime devono essere ampliati per sostenere le supply chain globali; l'onshoring di queste catene potrebbe aumentare la domanda di magazzini, la consegna con treni e camion e le industrie nazionali.
  • La pressione verso l'alto sui salari potrebbe produrre un effetto sostituzione, dato che le aziende cercano di sostituire il lavoro con il capitale, stimolando gli investimenti in robot e altre attrezzature di automazione.
  • Le aziende potrebbero decidere di ricostituire le scorte esaurite e questo potrebbe stimolare gli investimenti in nuova capacità produttiva.
  • I responsabili della politica fiscale sembrano più rilassati su spesa, debito e inflazione. Questo potrebbe favorire la spesa in infrastrutture, come il pacchetto da 1.000 miliardi di dollari approvato dal Congresso USA a fine 2021.

Per gli investitori, queste tendenze potrebbero generare opportunità nei mercati azionari e del credito nel 2022. Un boom del Capex potrebbe stimolare le vendite e i guadagni dei produttori di beni strumentali,  a potenziale vantaggio dei mercati azionari di Germania e Giappone, che ospitano alcune delle principali aziende industriali del mondo.

Anche le banche europee, che si sono ritagliate un ruolo importante nel finanziamento di solare, eolico e altre fonti di energia rinnovabile, potrebbero essere beneficiarie indirette,. Il finanziamento delle industrie che stanno cambiando ha avuto un ruolo chiave nei mercati del debito high yield, sostiene Vaselkiv - come evidenziato dal ruolo che i finanziamenti high yield hanno avuto nel far decollare l'industria dei veicoli elettrici.

“Questo potrebbe essere un decennio interessante per la transizione verso fondi di energie più pulite”. Tuttavia, la domanda di combustibili "in transizione" (gas naturale in particolare), potrebbe anche essere sostenuta in questo periodo. Questo probabilmente richiederà investimenti nella produzione e distribuzione del gas. “Penso che i mercati globali ad alto rendimento siano ben posizionati per fornire capitale”.

L'aumento dei prezzi dell'energia visto nel 2021 potrebbe anche aiutare a ridurre le emissioni di carbonio, frenando la domanda di petrolio e rendendo le fonti rinnovabili più competitive,.

Questo potrebbe rivelarsi un decennio interessante per la transizione verso energie pulite.

- Mark Vaselkiv, Chief Investment Officer, Fixed Income

In larga misura, i prezzi più alti dell'energia sono il prodotto di un costante declino degli investimenti in petrolio e gas, in parte guidato dalla pressione degli azionisti attivi, ma anche riflettendo la scarsa redditività del settore.

“Alcune di queste società non hanno generato free cash flow per anni". "Se si guardano alcuni dei principali operatori petroliferi, le loro azioni sono abbondantemente al di sotto di dove erano cinque anni fa, sebbene si trovino nel bel mezzo di uno dei mercati toro più grande della storia".

Strada per una sostenibilità globale

Solo a scopo illustrativo. Questo non è un consiglio d'investimento o una raccomandazione a intraprendere una particolare azione d'investimento.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Cambiamenti nelle politiche monetarie
202112‑1943807

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Crescita lenta, ma inesorabile

Crescita lenta, ma inesorabile

Crescita lenta, ma inesorabile

La crescita economica non si ferma, ma i segnali lasciano presagire un andamento...

Di Sebastien Page & Mark Vaselkiv

Di Sebastien Page & Mark Vaselkiv

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Focus sui fondamentali

Focus sui fondamentali

Focus sui fondamentali

La crescita degli utili continuerà a sostenere le valutazioni azionarie USA?

Di Sebastien Page & Justin Thomson

Di Sebastien Page & Justin Thomson

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.