Skip to main content

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Outlook 2022 per l'Asia, Giappone escluso

Il rapporto rischio/rendimento sembra interessante per le azioni dell'area Asia ex-Giappone.

Punti chiave

  • Restiamo positivi sulle prospettive economiche a lungo termine dell'Asia ex-Giappone. Il bilancio fiscale e quello delle partite correnti giocano a favore di azioni e valute.
  • La nostra view sulla Cina è fondamentale per l'area Asia ex-Giappone. Siamo impressionati dalla profondità e dal dinamismo di un mercato azionario cinese che è troppo grande per essere ignorato dagli investitori.
  • Riteniamo che il rapporto rischio/rendimento sia interessante per l'azionario Asia ex-Giappone. I titoli growth della regione presentano di nuovo valutazioni interessanti.

Dopo l'ondata pandemica causata dalla variante delta e dai lenti progressi nella campagna vaccinale (in particolare nel sud-est asiatico), le economie dell'area Asia ex-Giappone ora sembrano pronte per un rimbalzo nel 2022. Le interruzioni della catena di approvvigionamento, che hanno impattato la ripresa economica globale, dovrebbero essere solo temporanee. Inoltre, alcuni Paesi asiatici, come Singapore, Thailandia e Corea del Sud, stanno rimuovendo le restrizioni e aprendo i loro confini. Tuttavia, il turismo asiatico potrebbe tardare a recuperare, vista l'assenza dei turisti cinesi dovuta alle restrizioni sui viaggi.

Alcuni Paesi asiatici... stanno rimuovendo le restrizioni e aprendo i propri confini.

Inflazione: meno rischi per l'Asia

Restiamo costruttivi sulle prospettive economiche a lungo termine per l'Asia ex-Giappone. Il bilancio fiscale e quello delle partite correnti rimangono a favore sia delle azioni sia delle valute (Figura 1). E proprio la maggiore stabilità rispetto al passato delle monete regionali ha contribuito alle prospettive di inflazione relativamente favorevoli per il 2022. In molti Paesi asiatici, le attuali pressioni inflazionistiche sono guidate più da shock temporanei dell'offerta di cibo ed energia piuttosto che da una forte domanda interna. Questo lascia più margini di manovra alle banche centrali regionali, che quindi potrebbero decidere di non virare verso una politica monetaria più restrittiva. Le prospettive di inflazione più favorevoli per l'Asia ex-Giappone riflettono i minori stimoli fiscali nel 2020 (necessari per combattere la pandemia) rispetto alle economie sviluppate e una crescita che è scesa ulteriormente, producendo una pressione al ribasso sull'inflazione.

Oggi l'Asia ex-Giappone è più forte

(Fig. 1) Fondamenti dell'Asia ex-Giappone su un percorso di ripresa costante

Oggi l'Asia ex-Giappone è più forte

Al 30 settembre 2021.
Fonte:

La visione sulla Cina è fondamentale per l'Asia ex-Giappone

Riteniamo che ci stiamo avvicinando alla fine dell'attuale ciclo normativo in Cina. Pechino sta attraversando una fase di cambiamento politico e non è facile prevederne i tempi e i mezzi di attuazione. I nuovi regolamenti del 2021 rientrano nell'ampio quadro politico che la Cina ha comunicato con sufficiente chiarezza negli ultimi anni. Gli obiettivi sociali del presidente cinese Xi Jinping si concentrano su tre pilastri: anticorruzione, protezione ambientale e uguaglianza sociale.

Sebbene l'attenzione di molti investitori stranieri si sia concentrata sulla rigorosa stretta normativa della Cina e sugli effetti negativi a breve termine, rimaniamo impressionati dal dinamismo e dalla profondità del mercato azionario cinese, che è troppo grande per essere ignorato. Con un alto tasso di IPO, le nuove imprese cinesi continuano a stupire e a innovarsi, trovando il modo di competere con i player più blasonati. Il cambiamento è davvero l'unica costante in Cina e offre agli investitori diverse (e buone) idee di investimento.

Riteniamo che la nuova regolamentazione possa innescare un "reset" o un consolidamento nei settori interessati, creando nuove opportunità. Non crediamo che la stretta normativa abbia reso le azioni cinesi "non investibili". Pechino non vuole far deragliare la crescita dei settori interessati, ma cerca di dare un maggiore equilibrio all'ecosistema e una maggiore stabilità sociale. Le politiche del governo per limitare atteggiamenti monopolistici, per migliorare i diritti dei lavoratori e la qualità della vita, per rispondere ai cambiamenti demografici e per proteggere la privacy dei dati non sono uniche in Cina, ma sono perseguite anche dai governi di molti altri Paesi.

Il problema per gli investitori esteri è che le nuove normative hanno colpito in misura maggiore un numero relativamente piccolo di titoli growth della "new economy", diventati sopravvalutati a causa (in parte) degli acquisti da parte di molti fondi esteri. Il risultato è stato un calo delle "proporzioni del mercato ribassista" in un numero relativamente piccolo di titoli costosi, molti dei quali erano quotati all'estero, negli Stati Uniti o a Hong Kong. Pochi mesi dopo è stata ripristinata un'ampia stabilità del mercato, facendo apparire meno significativa la forte correzione dell'estate.

Prospettive di investimento per il 2022

Riteniamo che alcune tendenze emergenti a lungo termine, come la maggiore attenzione all'ambiente o al potenziamento delle infrastrutture industriali, possano aiutare a individuare delle interessanti opportunità di investimento nell'area Asia ex-Giappone.

In tutto, abbiamo identificato sette trend a lungo termine da tenere sotto controllo:

  • Trend 1: la maggiore attenzione della Cina all'ambiente
  • Trend 2: il potenziamento delle infrastrutture industriali
  • Trend 3: il dividendo demografico (potere di spesa delle famiglie con doppio reddito e senza figli, cosiddette DINKs)
  • Trend 4: la diversificazione dei risparmi delle famiglie cinesi
  • Trend 5: il cambiamento dell'ecosistema Internet in Cina
  • Trend 6: la sostituzione delle importazioni
  • Trend 7: l'aumento del commercio intraregionale

Molte di queste tendenze sono strettamente correlate o intrecciate con il grande cambiamento politico della Cina di qualche anno fa, ovvero il concetto di "Doppia Circolazione", che dà maggiore enfasi all'economia domestica, con la necessità di stimolare l'innovazione in tutti i settori (non solo Internet o "New Economy"), oltre a favorire la creazione di posti di lavoro con redditi più elevati e l'utilizzo del vasto mercato interno per acquisire competitività a livello globale.

Sorpresa demografica cinese: doppio reddito senza bambini (DINKs)

(Fig. 2) I DINKs cinesi potrebbero quadruplicare entro il 2030, raggiungendo il livello degli Stati Uniti

Sorpresa demografica cinese: doppio reddito senza bambini (DINKs)

Al 31 dicembre 2017. Tutti i dati successivi rappresentano stime.

Fonte : HSBC/Haver Analytics, Morgan Stanley. Dati più recenti disponibili. I risultati effettivi possono differire dalle stime.

Il trend 3, ovvero quello del dividendo demografico, è positivo per la Cina e potrebbe sorprendere (Figura 2). Si stima che il numero di DINKs in Cina aumenti di quattro volte nel prossimo decennio, raggiungendo potenzialmente il livello degli Stati Uniti. Riteniamo ci saranno considerevoli implicazioni sui modelli di consumo, con un aumento della spesa per prodotti e servizi premium, inclusi servizi di lifestyle, salute, tempo libero e gestione patrimoniale. Questa spinta positiva ai consumi dovrebbe farsi sentire prima che prenda il sopravvento l'impatto negativo dell'invecchiamento demografico della Cina.

Per quanto riguarda gli utili, i dati del terzo trimestre in Asia sono stati piuttosto misti, con il 50% delle aziende che ha dichiarato di aver superato le stime. Il timore è che la sostenibilità dei margini possa essere un problema nel 2022 ma, dopo un 2021 poco brillante e caratterizzato dall'arrivo di nuove norme più stringenti, gli analisti prevedono una ripresa del contributo alla crescita degli utili. Negli ultimi sei mesi, tutti i settori, a eccezione degli immobili, dei beni voluttuari e dei servizi di comunicazione, hanno visto una crescita delle stime degli utili a 12 mesi.

I titoli growth... hanno di nuovo prezzi interessanti.

Dopo la correzione in Cina, riteniamo che il rapporto rischio/rendimento sia tornato interessante per i mercati dell'area Asia ex-Giappone. I titoli growth, per esempio, si sono riportati di nuovo su prezzi interessanti. In termini di valutazioni, riteniamo che quelle di molte aziende growth di alta qualità rimangano in linea con i loro livelli storici. Tuttavia, ci sono ancora ampie discrepanze di valutazione in alcune aree, come per i titoli che dovrebbero beneficiare della "transizione verde".

La Corea del Sud (dalla forte connotazione tecnologica), ha recentemente sottoperformato a causa del rallentamento del ciclo globale dell'elettronica e dei dati deludenti sul Prodotto interno lordo (PIL) del terzo trimestre, cresciuto solo dello 0,3% su base annua (un ritmo molto più lento del previsto). I deboli consumi privati, che rappresentano la metà del PIL della Corea del Sud, e un calo degli investimenti in costruzioni hanno più che compensato le robuste esportazioni.

L'Asia ex-Giappone sembra più economica rispetto all'indice MSCI World (mercati sviluppati)

(Fig. 3) I mercati globali sono valutati rispetto all'Asia ex-Giappone in base alle attese di rimbalzo degli utili

L'Asia ex-Giappone sembra più economica rispetto all'indice MSCI World (mercati sviluppati)

Al 30 settembre 2021.
1 Per rappresentare ciascun Paese sono stati utilizzati gli indici nazionali MSCI.

Fonte: Dati finanziari e analisi forniti da FactSet . Copyright 2021 FactSet. Tutti i diritti riservati .
Si prega di consultare le Informazioni aggiuntive per ino su MSCI. I risultati futuri possono differire dalle aspettative.

L'India, il mercato con le migliori performance nel primo e nel terzo trimestre del 2021, ha corretto di recente a causa delle preoccupazioni degli investitori per le valutazioni elevate e per effetto della banca centrale, che ha parlato di una normalizzazione della liquidità. Le aspettative di un rimbalzo degli utili nei prossimi trimestri, favorito da un miglioramento della situazione epidemiologica, potrebbero essere già state scontate, mentre si prevede che l'aumento dei prezzi dell'energia danneggerà i margini delle società. L'India ha superato la seconda ondata da coronavirus e le proiezioni sugli utili societari sembrano positive, supportate dalla ripresa dei servizi immobiliari, dei consumi e delle tecnologie dell'informazione. Tuttavia, le valutazioni appaiono tirate, con l'inflazione che rimane un rischio chiave da monitorare.

Oltre a ulteriori e inattesi cambiamenti di politica in Cina, gli altri rischi chiave per l'Asia ex-Giappone includono una nuova variante Covid, che non risponde agli attuali vaccini, un errore delle banche centrali, che potrebbero attuare una stretta monetaria troppo presto, ulteriori tensioni geopolitiche tra USA e Cina e un rallentamento economico a Pechino, guidato dal settore immobiliare, più grave del previsto.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Outlook sulla Cina per il 2022
Prossimo Articolo

Dicembre 2021 / WEBINAR

Outlook globale 2022: webinar
202111-1930335

Dicembre 2021 / GLOBAL MARKET OUTLOOK

Outlook 2022: prospettive rosee per il Giappone

Outlook 2022: prospettive rosee per il Giappone

Outlook 2022: prospettive rosee per il Giappone

Il mercato del Giappone trarrà vantaggio dalla ripresa economica globale

Di Archibald Ciganer

Archibald Ciganer Portfolio Manager

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.