Skip to main content

Gennaio 2021 / MARKET OUTLOOK

Global Asset Allocation: gli approfondimenti di gennaio

Scopri gli ultimi trend del mercato

APPROFONDIMENTI DI MERCATO

Dati al 31 dicembre 2020

A caccia di unicorni

Gli stimoli fiscali e monetari senza precedenti e le notizie positive di fine anno sui vaccini hanno alimentato nel 2020 un rally inarrestabile degli asset a rischio, con l'indice S&P 500 che ha guadagnato più del 16% e le valutazioni che hanno raggiunto livelli mai più visti dalla bolla tecnologica. Inoltre, l'ascesa dei mercati è stata alimentata anche dal numero crescente di aziende che si sono quotate in Borsa, con le Ipo (Initial public offering, ovvero offerta pubblica iniziale) che hanno fatto registrare il record degli ultimi due decenni. Molte delle società cosiddette unicorno - quelle che si quotano con valutazioni multimiliardarie - come Airbnb e DoorDash, hanno visto i prezzi salire di oltre l'80% nella settimana del debutto in Borsa. Allo stesso modo, gli investitori hanno "caldeggiato" anche le Spac (Special purpose acquisition companies), società che raccolgono i capitali dal pubblico attraverso un'Ipo per poi investirli in aziende target da quotare sui mercati finanziari. E nel 2020, anche le criptovalute hanno catalizzato l'attenzione degli investitori, alimentando un'euforia puramente speculativa. Le similitudini con il 2000 sono tante ma, guardando al 2021, i risparmiatori non sembrano preoccuparsi di una potenziale nuova "bolla". 

Inflazione, per davvero?

Dopo più di un decennio di politica della Fed orientata a stimolare la crescita e un aumento dell'inflazione, la ripresa post-pandemia potrebbe essere il giusto driver per un aumento dei prezzi? Il mercato sembra scommetterci davvero, con i tassi di "pareggio" - differenza di rendimento tra i Treasury nominali e quelli legati all'inflazione - prossimi al 2%. E viste le elevate aspettative sull'aumento di una domanda fortemente depressa fino a oggi, è molto probabile che l'inflazione torni a salire. Il coronavirus ha inaspettatamente contribuito al boom immobiliare, rafforzando una della componenti chiave dell'indice dei prezzi al consumi - il valore degli alloggi. Già ad agosto, la Fed aveva deciso di cambiare politica sull'inflazione, tollerando un indice dei prezzi al consumo superiore al 2% (l'obiettivo è un'inflazione media del 2% nel tempo). E ora, con i mercati meno timorosi della Fed, è lecito aspettarsi per il 2021 un movimento al rialzo del costo della vita. Ma con una Banca Centrale che resterà accomodante, un aumento dell'inflazione farebbe ridurre ulteriormente i rendimenti reali. 

Lunga vita a Suga 

Gli investitori stanno riscoprendo il mercato giapponese, come si evince dai forti flussi, dai nuovi massimi a 30 anni raggiunti dal Nikkei 225 e dall'ottimismo che ruota attorno all'elezione del nuovo primo ministro, Yoshihide Suga. Pur dovendo  fronteggiare gli effetti della pandemia da coronavirus, Suga ha promesso di rimanere concentrato sulle politiche di riforma strutturale del suo predecessore - note come "Abenomics" - che hanno tra l'altro favorito iniziative a favore degli azionisti, comprese le operazioni di "buyback" (riacquisto di azioni proprie). Così, nonostante il Giappone sia famoso all'estero per l'innovazione tecnologica in settori come la robotica e i semiconduttori, il Governo ha deciso di creare una nuova agenzia digitale con l'obiettivo di migliorare la produttività. E se da un lato gli investitori plaudono a queste riforme strutturale, dall'altro lato guardano anche alle nuove opportunità per quei settori che sono fortemente orientati alle esportazioni, che potranno beneficiare della ripresa economica globale. Con queste forze cicliche e secolari a guidare la crescita, quest'estate il Paese ci potrebbe regalare molto più che i giochi olimpici.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Fonte : Nikkei, Bloomberg Finance LP e analisi T. Rowe su dati FactSet Research Systems Inc. Tutti i diritti riservati. Vedi Informazioni aggiuntive.

Per una panoramica regione per regione, scarica il PDF in inglese .

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Gennaio 2021 / BLOG

Gli effetti del ballottaggio in Georgia sui mercati
Prossimo Articolo

Gennaio 2021 / MULTI-ASSET SOLUTIONS

Tra ripresa e nuove opportunità
202101‑1475658

Dicembre 2020 / MARKET OUTLOOK

Global Asset Allocation: December Insights

Global Asset Allocation: December Insights

Global Asset Allocation: December Insights

Discover the latest global market themes

Di Yoram Lustig

Yoram Lustig Head of Multi-Asset Solutions, EMEA

Novembre 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Asset Allocation globale: approfondimenti...

Asset Allocation globale: approfondimenti di novembre

Asset Allocation globale: approfondimenti...

Scopri gli ultimi trend del mercato

Di Yoram Lustig

Yoram Lustig Responsabile delle Soluzioni Multi-Asset, EMEA

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.