Skip to main content

Luglio 2020 / NOTES FROM THE ROAD

Il Vietnam ha trovato la strada per superare la crisi da Coronavirus

Il Paese di frontiera è ben posizionato grazie alle efficaci misure di contenimento

Punti chiave

  • Il Vietnam non ha riportato morti per COVID-19; ha contenuto la pandemia meglio dei mercati sviluppati e di quelli emergenti, e dovrebbe riuscire a evitare la recessione.
  • Gli sforzi per contenere la pandemia da coronavirus hanno portato a un miglioramento della governance, un trend positivo che dovrebbe sostenere il Paese nel futuro.
  • Stiamo trovando interessanti opportunità di investimento in società di alta qualità nel settore bancario, dei consumi discrezionali e dell'Information Technology.

 

Data la sua vicinanza geografica con la Cina e la precedente esperienza con la SARS nel 2003, le autorità vietnamite hanno reagito rapidamente alla diffusione del nuovo coronavirus.
 

Ampie misure di contenimento

Il primo caso di COVID-19, la malattia causata dal coronavirus, è stato rilevato a gennaio 2020; le restrizioni sugli spostamenti - insieme alle misure di distanziamento sociale - sono state applicate da inizio febbraio. Tra le azioni intraprese, la quarantena forzata, la rintracciabilità di chi è entrato in contatto con le persone infette, e il reclutamento di studenti di medicina, medici in pensione e infermieri.

Il monitoraggio del COVID-19 in Vietnam

Le misure finora si sono dimostrate efficaci

Il monitoraggio del COVID-19 in Vietnam

* Casi e morti al 16 giugno 2020.
Fonte: Organizzazione mondiale della sanità: covid19.who.int/region/wpro/country/vn.
† Test al 12 maggio 2020.
Fonte: Ministero della salute del Vietnam: news.chinhphu.vn/Home/Viet-Nam-has-conducted-275000-COVID19-tests-health-official-says/20205/40083.vgp.

Il basso numero dei casi in Vietnam

(Fig. 1) Numero di casi pro capite per Paese

(Fig. 1) Numero di casi pro capite per Paese

Dati al 16 giugno 2020.
Fonte: Università di Oxford/Haver Analytics.

L'educazione ha svolto un ruolo chiave, con canzoni sul lavaggio delle mani che sono diventate virali nel Paese e un'arte propagandistica che ha informato le persone su come proteggersi e come favorire il contenimento della diffusione del virus. Le autorità sono state anche trasparenti nel riferire il numero di casi e l'ubicazione delle persone infette, pubblicando i dati su un sito web del governo.

Ci aspettiamo un contesto macroeconomico resiliente e che il Vietnam riesca a evitare una recessione globale.

- Oliver Bell, Portfolio Manager, Frontier Markets Equity Strategy

Una storia di successo

Al momento della stesura di questo documento, non sono stati segnalati decessi per coronavirus in Vietnam e il tasso di infezioni sembra essere sotto controllo. Il nostro modello interno1 colloca il Vietnam al primo posto per il contenimento della diffusione del virus rispetto ad altri grandi Paesi di frontiera ed emergenti. In particolare, la storia del Vietnam "vince" anche il confronto con molti Paesi più ricchi, che hanno condotto test a larga scala e che avevano molte più risorse per affrontare la crisi, tra cui Germania e Corea del Sud.

I miglioramenti nella gestione supportano gli sforzi di contenimento

Anche se l'approccio autoritario del governo ha permesso di attuare una quarantena forzata, chiudendo a volte interi quartieri in risposta a casi locali di infezione, l'efficacia della risposta può essere in parte attribuita anche a un miglioramento della gestione nazionale negli ultimi anni.

Il Vietnam ha compiuto progressi notevoli nel miglioramento della governance e della capacità di risposta a livello locale, nonché nella professionalizzazione dello "stato amministrativo". Secondo il Viet Nam Provincial Governance and Public Administration Performance Index, che raccoglie le opinioni dei cittadini, nel 2019 c'è stato un forte miglioramento nel controllo della corruzione nel settore pubblico e nell'aumento della trasparenza nel processo decisionale locale2.

Sono stati fatti anche passi in avanti verso il raggiungimento della copertura sanitaria universale (UHC), uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il Paese ha raggiunto un punteggio dell'indice UHC di 73 su 100, con l'82% della popolazione vietnamita coperta da un'assicurazione sanitaria sociale3. Nel raggiungimento dell'UHC, il Vietnam ha fatto progressi importanti rispetto ad altri Paesi della sua regione.

Riteniamo che questi progressi nell'assistenza sanitaria, combinati con un maggiore accesso alle informazioni e un migliore controllo della corruzione, hanno favorito una riposta più efficace del Vietnam alla pandemia.

 

Le azioni vietnamite sono scese con i mercati globali

(Fig. 2) Performance da inizio anno

(Fig. 2) Performance da inizio anno

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.
Dati al 10 giugno 2020.
31 dicembre 2019 = 100.
Fonte: MSCI tramite FactSet e MSCI (vedi Informazioni aggiuntive).

Pronti a superare l'impatto economico globale

Il Vietnam ha affrontato relativamente bene gli effetti sanitari e sociali del coronavirus. Tuttavia, il mercato azionario e l'economia hanno sofferto a causa della diffusione della pandemia a livello globale e del lockdown. Il mercato vietnamita ha mostrato un beta elevato grazie all'economia aperta del Paese e alla profonda integrazione con i mercati globali.

Tuttavia, dato l'approccio prudente del Paese al contenimento del virus e l'azione relativamente precoce, il Vietnam ha il vantaggio di essere tra i primi a poter alleggerire le misure di lockdown. L'allentamento è iniziato il 22 aprile e il 7 maggio è stata riaperta la maggior parte delle scuole, università e servizi non essenziali. I viaggi internazionali continuano ad essere vietati.

Così come successo in altri Paesi, il governo vietnamita ha introdotto un pacchetto di sostegno fiscale per supportare l'economia. Un pacchetto da circa 271 trilioni di VND (dong vietnamita), pari al 3,6% del prodotto interno lordo (PIL)4, che è significativo se confrontato con lo stimolo intrapreso dagli altri mercati di frontiera e da quelli emergenti. Sono state inoltre varate misure a sostegno delle imprese e delle famiglie più vulnerabili. Nel frattempo, la Banca di Stato del Vietnam ha abbassato i tassi di interesse di 50 punti base al 4,5% e ha introdotto linee guida per le banche commerciali per rinegoziare i prestiti, ridurre o esentare gli interessi e concedere una "tolleranza" sui prestiti (per un certo periodo di tempo i pagamenti possono essere ridotti o sospesi).

Sul virus permangono molte incertezze, così come su una potenziale ricomparsa delle infezioni e sull'impatto economico delle drastiche misure intraprese in tutto il mondo nel tentativo di contenere la diffusione. Le azioni intraprese in Vietnam sembrano aver avuto finora un impatto meno grave del virus, in termini di infezioni e decessi. Prevediamo, inoltre, un contesto macroeconomico resiliente e che il Vietnam riuscirà a evitare la recessione. Le ultime stime sulla crescita del PIL nel 2020 sono comprese tra il 2,7% e il 4,8%5, con una previsione di rimbalzo più forte nel 2021.

 

Posizionamento per un recupero post-coronavirus

Il nostro team di investimento mantiene una visione positiva sul contesto macroeconomico in Vietnam. Il sell-off che ha colpito il mercato ha creato opportunità e ha spinto alcune valutazioni delle società su livelli particolarmente interessanti. La nostra view sul mercato azionario non è cambiata e conserviamo le nostre posizioni sulle società vietnamite di alta qualità. Ma la selezione attenta dei titoli rimane fondamentale. Nello specifico, stiamo trovando opportunità nei seguenti segmenti di mercato:

  • Banche: nonostante questo periodo difficile, le banche vietnamite di qualità sembrano ben posizionate per superare la tempesta. Le società che abbiamo in portafoglio hanno registrato risultati costanti nel primo trimestre e da inizio anno stanno offrendo ottime performance. Prestiamo particolare attenzione alla solidità dei bilanci e delle riserve di capitale.
  • Consumi discrezionali: nel breve termine permane l'incertezza; tuttavia, l'allentamento relativamente precoce delle misure di lockdown in Vietnam dovrebbe sostenere la ripresa del settore dei consumi discrezionali. Crediamo che emergeranno potenziali vincitori. Continuiamo a monitorare i cambiamenti nel comportamento dei consumatori, in particolare quelli che potrebbero accelerare per effetto della pandemia, come un aumento delle vendite online, e cerchiamo aziende in grado di mantenere una crescita strutturale.
  • Information Technology: una crescente necessità di digitalizzazione in un mondo post-pandemico potrebbe supportare le aziende del settore, come la più grande società IT del Vietnam, FPT.
     

...il Paese è in una posizione di vantaggio rispetto al resto della regione grazie alla sua capacità di contenere efficacemente la diffusione della pandemia.

- Leigh Innes, Portfolio Specialist, Frontier Markets Equity Strategy

L'altra faccia degli emergenti

È difficile che il Vietnam esca indenne dalla crisi da coronavirus, con la sua economia aperta che probabilmente risentirà della debolezza dell'economia globale. Tuttavia, il Paese è in una posizione di vantaggio rispetto al resto della regione grazie alla sua capacità di contenere efficacemente la diffusione della pandemia.

Gli sforzi per contenere il virus hanno anche messo in evidenza i miglioramenti nella governance del Paese, in termini di miglioramento del processo decisionale locale, lotta alla corruzione e progressi nelle assicurazioni sanitarie sociali. Sono trend positivi che dovrebbero sostenere il Paese nel futuro.

Il Vietnam ha trovato la strada per superare il coronavirus e le nostre prospettive per il Paese sono positive. Riteniamo che la volatilità del mercato offra opportunità di investimento, a valutazioni interessanti, in società di alta qualità, in particolare nei settori delle banche, dei consumi discrezionali e dell'Information Technology.

 

Cosa guardiamo

Il Vietnam potrebbe emergere come il grande vincitore. È probabile che il Paese eviti una recessione e che potrebbe beneficiare del cambiamento delle catene di approvvigionamento globali. Il contenimento del coronavirus apparentemente efficace, nonché le dinamiche favorevoli della popolazione, dovrebbero aumentare la capacità del Vietnam di attrarre investimenti diretti esteri.

 

 

 

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Luglio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Sei rischi per la ripresa post-coronavirus
Prossimo Articolo

Luglio 2020 / VIDEO

Gli ingredienti per costruire un portafoglio di investimento
202006-1220559

Novembre 2019 / video

Mercati di frontiera - Appunti di viaggio

Mercati di frontiera - Appunti di viaggio

Mercati di frontiera - Appunti di viaggio

Oliver Bell

Oliver Bell Portfolio Manager

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.