Skip to main content

Luglio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Le società a "crescita differita" offrono interessanti opportunità

Le società più robuste potrebbero beneficiare di un aumento in ritardo della domanda.

Punti chiave

  • Riteniamo che gli investitori dovrebbero allargare il raggio di azione nella ricerca delle opportunità di crescita secolare.
  • Sebbene siano rimaste lontane dai riflettori, le aziende sanitarie specializzate nella diagnostica e nel bioprocesso dovrebbero svolgere un ruolo chiave nella lotta al coronavirus.
  • L'abbandono della Tv tradizionale avvantaggerà quelle società che riusciranno a riposizionarsi come hub di streaming a banda larga.

 


Uno dei principali obiettivi dei nostri team è la ricerca di opportunità di crescita secolare - società che sfruttano la tecnologia per guadagnare terreno sui diretti concorrenti o per creare nuovi mercati, "scollegandosi" così dall'andamento dell'economia. Sono quelle aziende che, come diciamo spesso, si trovano "dalla parte giusta del cambiamento".

Durante la pandemia, molte di queste società hanno beneficiato di un aumento della domanda generato dalle misure di contenimento del coronavirus (hanno costretto le persone a rimanere a casa), ma per tante altre, invece, la crescita si è interrotta. Proprio per questo, consigliamo agli investitori di aumentare il raggio di azione nella ricerca delle opportunità. I nostri portafogli includono aziende di diversi settori, anche meno conosciuti rispetto alle piattaforme che negli ultimi mesi hanno guidato la crescita del mercato. Riteniamo che il valore di molte di queste società a "crescita differita" verrà fuori quando sarà sviluppato un vaccino (o una cura) contro il Covid-19 e quando le economie globali riapriranno completamente.

Healthcare, innovatori lontani dai riflettori

A dispetto delle opportunità legate alla corsa per trovare un vaccino o una cura contro il coronavirus, abbiamo sempre evitato il settore farmaceutico, per diversi motivi. In generale, la crescita delle vendite è stata modesta e il livello di innovazione richiesto per sostituire farmaci ormai consolidati non è incoraggiante. Siamo anche scettici sulla capacità di queste società di monetizzare in modo significativo il vaccino contro il Covid-19, almeno inizialmente.

Riteniamo che un settore più interessante all'interno dell'healthcare sia quello del "life science" (che include l'industria farmaceutica, quella biotecnologica, della produzione di dispositivi biomedici e i servizi sanitari), caratterizzato da altrettanta innovazione ma esposto a meno rischi normativi in termini di controllo sui prezzi. Due aree di particolare interesse sono la diagnostica e il bioprocesso.

È probabile che i test molecolari per individuare le infezioni di Covid-19 e quelli sierologici per la ricerca degli anticorpi saranno richiesti per più tempo rispetto alle previsioni - per esempio, si prevede di controllare medici e infermieri due o tre volte a settimana. Un'azienda che opera in questo mercato è l'italiana DiaSorin, che ha sviluppato un test per gli anticorpi che attaccano le proteine Spike, il meccanismo con cui il coronavirus penetra nelle cellule umane. Il test di DiaSorin potrebbe essere molto utile per analizzare i numerosi vaccini in fase di sviluppo che imitano le proteine Spike per provocare una risposta degli anticorpi. 1

Le terapie biologiche a base di proteine rilasciate dalle cellule viventi potrebbero arrivare a rappresentare oltre il 50% dei farmaci in via di sviluppo.

Le terapie biologiche a base di proteine rilasciate dalle cellule viventi potrebbero arrivare a rappresentare oltre il 50% dei farmaci in via di sviluppo. A differenza delle medicine più tradizionali "a piccole molecole", che sono generati dalla sintesi chimica, i farmaci biologici sono di fatto delle proteine che vengono rilasciate dalle cellule viventi e richiedono un processo di fabbricazione più complicato. Fino a poco tempo fa, i prodotti biologici sono stati realizzati in grandi e costosi serbatoi che devono essere puliti dopo ogni utilizzo. Un processo che può costare centinaia di migliaia di dollari. La società tedesca Sartorius sta aprendo la strada all'uso di contenitori usa e getta - possono essere paragonati a sacchetti della spazzatura altamente sofisticati - per sostituire quei serbatoi, riducendo sia il rischio di contaminazione sia i costi.

Un nuovo futuro per la banda larga

Alcune delle aziende che hanno tratto beneficio dal lockdown, e quindi dall'obbligo imposto alle persone di stare a casa, stanno cambiando i loro modelli di business e potrebbero uscire più forti da questa crisi. La necessità delle famiglie di avere una connessione Internet veloce per lavorare, studiare e divertirsi a casa, ha acceso i riflettori sulla banda larga, che dovrebbe spingere le aziende via cavo ad affidarsi ai fornitori di DSL (Digital Subscriber Line), addebitando ai clienti già esistenti i maggiori costi per la velocità di connessione. Le società "via cavo" stanno anche assistendo a una crescita della domanda per i kit di autoinstallazione - consente ai fornitori di risparmiare denaro e frena la contrazione dei clienti.

Tra le società che hanno beneficiato del lockdown c'è Netflix. In molti ipotizzano che il passaggio dalla televisione tradizionale allo streming sia stato accelerato dalla pandemia. Anche il l'abbandono della Tv tradizionale può avvantaggiare i "provider" che sono ben posizionati. I clienti rinunciano ai programmi televisivi lineari (in diretta) a favore dei servizi in streming, portando così a un miglioramento dei margini delle società che possono fornire la banda larga. Netflix, Hulu, ESPN e altri servizi possono pagare ad aziende come Charter Communications una commissione per la ricerca di nuovi abbonati, invertendo il flusso di pagamenti per l'acquisto di contenuti. Charter e le altre società del settore stanno sviluppando sistemi operativi simili a quello di Roku per diventare hub centralizzati per gli abbonamenti in streaming.

Opportunità nelle aziende non toccate dalla crisi

Stiamo tenendo d'occhio le opportunità legate al lancio della rete 5G. Tra i principali beneficiari ci sono probabilmente gli operatori di torri cellulari. T - Mobile e Dish, in particolare, hanno speso molto per il nuovo "spettro" del 5G e per sfruttare il loro investimento dovrebbero essere tra gli acquirenti attivi della capacità delle torri. Gli operatori di torri cellulari, inoltre, dovrebbero beneficiare delle restrizioni "di zona" che tengono sotto controllo la concorrenza.

L'implementazione del 5G dovrebbe anche determinare un significativo aumento della catena di approvvigionamento degli smartphone entro la fine del 2021. Il nuovo standard wireless richiederà modifiche significative alla struttura interna degli smartphone per consentire un maggior numero di componenti e una migliore dispersione del calore. Apple sta investendo molto nell'automazione industriale per essere in grado di produrre iPhone con capacità 5G. E a trarne beneficio potrebbero essere anche numerosi suoi fornitori.

Nei prossimi mesi è probabile che sui mercati permanga un po' di volatilità, ma siamo convinti che il sell-off contribuirà a migliorare i nostri portafogli abbattendo le valutazioni di quelle società che riteniamo più interessanti e il cui potenziale di crescita è stato sottovalutato.

 

1 Le società menzionate qui e successivamente sono esempi di importanti tendenze economiche e di mercato accentuate dalla pandemia. Questi sono forniti solo a scopo informativo e non sono raccomandazioni per l'acquisto o la vendita di alcun titolo.

 

 

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Luglio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Il costo della “protezione”
Prossimo Articolo

Luglio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Costruttivi sull'Asia, escluso il Giappone
202007-1240709

Luglio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Il costo della “protezione”

Il costo della “protezione”

Il costo della “protezione”

Focus sull'azionario difensivo

T. Rowe Price

T. Rowe Price

Luglio 2020 / VIDEO

Six Risks to the Coronavirus Recovery

Six Risks to the Coronavirus Recovery

Six Risks to the Coronavirus Recovery

We believe there are six key risks to the global economic recovery.

Nikolaj Schmidt

Nikolaj Schmidt Chief International Economist

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.