Skip to main content

Maggio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Idee di investimento per i prossimi 12 mesi

Come posizionare il portafoglio rispetto ai rischi e alle opportunità future

Punti chiave

  • Riteniamo che i prossimi 12 mesi saranno guidati da cinque temi: recessione, bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti, stimoli, ripresa e gestione attiva.
  • Per ciascuno di questi temi, abbiamo identificato tre idee di investimento.
  • Altri approfondimenti si concentrano sulle strategie per i tempi incerti: comprare sui ribassi, mantenersi lucidi, identificare e usare le skills.


Anche se non siamo ancora al giro di boa, possiamo già dire con sicurezza che il 2020 è stato un anno straordinario. L'epidemia da coronavirus ha generato il mercato Orso più veloce di sempre, con l'indice Msci All Country World che dal 20 febbraio al 23 marzo è precipitato del 33,6%. Dopo l'annuncio degli stimoli, l'indice si è ripreso ed ha guadagnato il 27,8% a fine aprile, nonostante il deterioramento dei dati economici. 1 La volatilità implicita rimane elevata, a riprova del fatto che siamo in un territorio inesplorato.

Gli investitori si trovano ora di fronte a interrogativi difficili. La recente ripresa del mercato azionario è sostenibile o è semplicemente un rally all'interno di un mercato Orso? Quali investimenti saranno i vincitori e i vinti in caso di un recupero dell'economia globale? E come dovrebbero essere posizionati i portafogli in questo contesto generale di incertezza?

Sebbene il quantitative easing di solito genera inflazione, è improbabile che il costo della vita aumenti nel breve termine ...

Per rispondere a queste domande abbiamo identificato cinque temi chiave che riteniamo guideranno le performance dei portafogli nel corso del prossimo anno. I nostri temi si basano sulle nostre previsioni economiche a livello globale e sulle implicazione che ne deriveranno. E per ognuno di questi filoni abbiamo individuato tre idee di investimento. I cinque temi sono (1) recessione, (2) bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti durante la recessione e fino a quando l'economia non si riprenderà, (3) stimoli, (4) la ripresa generata dagli stimoli e (5) la necessità di una gestione attiva.

1. Recessione

Si prevede che l'economia globale si contrarrà pesantemente nella prima metà del 2020, a un livello mai visto dalla Grande Depressione degli anni '30, per poi espandersi con forza nella seconda metà dell'anno o in maniera più graduale nel 2021. È difficile "fare soldi" nelle fasi di recessione, ma alcuni investimenti - come le obbligazioni nominali - tendono ad avere prestazioni migliori di altri. Anche se il quantitativi easing di solito genera inflazione, è improbabile che il costo della vita aumenti nel breve termine, non solo a causa della recessione, ma anche perché le forze secolari che includono bassi prezzi dell'energia, demografia e tecnologia, la mantengono bassa. Le banche centrali hanno lottato (e continuano a lottare) per riportare l'inflazione verso i loro obiettivi.

Tema d'investimento n.1: Recessione

Tema d'investimento n.1: Recessione

1 IG = investment grade.

È probabile che alcuni settori continueranno a stare sotto i riflettori. Se la ripresa va in stallo e il lockdown, così come il distanziamento sociale, continuerà  per un periodo più lungo, la tecnologia potrebbe trarne vantaggio, consentendo la connettività remota, lo shopping online e il cloud computing. Questo va ad aggiungersi alla continua disruption guidata proprio dalla tecnologia, con gli investitori che dovrebbero stare proprio dalla parte dei "disruptors". Se il coronavirus dovesse ritornare dopo l'estate, e prima che venga sviluppato un vaccino, l'assistenza sanitaria ne subirà un duro contraccolpo.

I politici sono tutti coinvolti - è improbabile che possano invertire le loro politiche, almeno fino a quando l';economia non avrà trovato una solida base per la ripresa.


2. Bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti

Complice la crisi del coronavirus, l'altro dramma nel 2020 è stato il calo del prezzo del petrolio. La sfida con il greggio non è solo la caduta della domanda - quando è stata l'ultima volta che hai fatto un pieno di benzina? - ma anche l'eccesso di offerta. Un basso prezzo del petrolio in genere significa bassa inflazione.

I rendimenti obbligazionari sono bassi e probabilmente rimarranno tali per i prossimi 12 mesi. I bassi rendimenti rendono più difficile per le banche realizzare un profitto. Le azioni growth negli Stati Uniti possono continuare a sovraperformare quelle value perché il 40% dell'Indice Russell 1000 Growth è rappresentato dalla tecnologia mentre il 20% dell'Indice Russell 1000 Value è rappresentato dal settore finanziario e il 5% dall'energia (0% nell'Indice Russell 1000 Growth). 2 Bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti significa che ci saranno alcuni perdenti e alcuni vincitori.

Tema d'investimento n.2: bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti

Tema d'investimento n.2: bassi prezzi del petrolio e bassi rendimenti


3. Stimoli

La quantità senza precedenti di stimoli iniettati nell'economia globale negli ultimi mesi ha dato ossigeno a individui, aziende ed economie. Anche se i politici hanno posticipato il problema, lasciandosi alle spalle una montagna di debito pubblico e l'inflazione, la situazione sarebbe stata più difficoltosa senza gli stimoli.

Questo ambiente è un'opportunità per i gestori attivi, che possono fare la differenza...

Tema d'investimento n.3: stimoli

Tema d'investimento n.3: stimoli

1 I fallen angel sono emittenti il cui debito è stato "downgradato" da investment grade a high yield. Gli Etf sono fondi negoziati in Borsa.

2 EMD = Debito dei mercati emergenti.

I politici sono tutti coinvolti - è improbabile che siano in grado di invertire la rotta, almeno fino a quando l'economia non troverà una solida base da cui ripartire. Queste politiche hanno creato sfide e opportunità per gli investitori. Le tre idee di investimento si concentrano su (1) scarsità di rendimento - con liquidità e titoli di Stato che rendono praticamente zero, (2) banche centrali proattive - acquistano quello che possono comprare e (3) attività a rischio - in un'alluvione tutto galleggia.


4. Ripresa

Le crisi in genere passano attraverso tre fasi: tracollo, rally all'interno di un mercato Orso e ripresa. Il tracollo è alle nostre spalle. Tuttavia, non è chiaro se la ripresa delle attività a rischio dai loro minimi di marzo sia un rimbalzo del gatto morto, il che significa che i mercati probabilmente attraverseranno periodi di alti e bassi significativi, o una ripresa sostenibile.

Tema d'investimento n.4: ripresa

Tema d'investimento n.4: ripresa

Per una ripresa sostenibile, i mercati avevano bisogno di tre cose: (1) aver raggiunto il picco del tasso di infezione, (2) uno stimolo monetario e fiscale convincente e aggressivo e (3) volatilità in calo. Sebbene tutti e tre siano a posto, permangono molte incognite: il rischio di una seconda ondata di infezioni, la capacità di ripresa di un'economia deturpata e la possibilità di un ritorno a una nuova normalità. Uno scenario è quello di una forte ripresa economica nella seconda metà del 2020; un altro è quello di una graduale ripresa nel 2021. Una cosa è certa: la crisi finirà e inizierà una ripresa.

Le tre idee di investimento sono (1) diversificazione - una vera diversificazione, non quella percepita, in quanto alcune attività (per esempio obbligazioni societarie e materie prime) potrebbero presentare una bassa correlazione con le azioni nei periodi positivi, ma un'alta correlazione nei momenti difficili; (2) bilanciamento e (3) flessibilità: i portafogli devono essere agili e pronti ad adeguarsi.


5. Gestione attiva

La dispersione dei rendimenti tra mercati, settori e titoli si è notevolmente ampliata. Le recessioni generano un processo di distruzione costruttiva attraverso cui le società che dovrebbero fallire falliscono. Questo ambiente è un'opportunità per i gestori attivi, che possono fare la differenza selezionando mercati e settori che sono in grado di investire al meglio separando le società con solidi bilanci, attività redditizie e flussi di cassa sostenibili da quelle più deboli. Il processo di "zombificazione" - attraverso cui il denaro a buon mercato consente alle società che avrebbero dovuto fallire di sopravvivere attraverso prestiti a basso costo - potrebbe giungere al termine. In un processo di sopravvivenza del più forte, i manager attivi sono in grado di selezionare i sopravvissuti.

Tema d'investimento n.5: gestione attiva

Tema d'investimento n.5: gestione attiva

Le tre idee di investimento riguardano il comportamento appropriato per gestire attivamente il portafoglio.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Maggio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Perfetta imperfezione: investimenti "contrarian" durante un sell-off
Prossimo Articolo

Maggio 2020 / VIDEO

Tutte le crisi finiscono
202005-1177622

Maggio 2020 / VIDEO

Volatilità e recessione

Volatilità e recessione

Volatilità e recessione

In questo secondo video, Yoram analizza le buone notizie in un contesto di depressione...

Yoram Lustig

Yoram Lustig Responsabile delle Soluzioni Multi-Asset, EMEA

Maggio 2020 / VIDEO

Le tre fasi di una crisi

Le tre fasi di una crisi

Le tre fasi di una crisi

Yoram Lustig ci guida attraverso le tre fasi principali di una crisi

Yoram Lustig

Yoram Lustig Responsabile delle Soluzioni Multi-Asset, EMEA

Gennaio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Una nuova decade di investimenti

Una nuova decade di investimenti

Una nuova decade di investimenti

Tutte le sfide della nuova decade

Yoram Lustig

Yoram Lustig Responsabile delle Soluzioni Multi-Asset, EMEA

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.