Skip to main content

Marzo 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

L’ascesa dei green bond

Perché gli investitori dovrebbero interessarsi al mercato delle obbligazioni verdi?

Punti essenziali

  • Il mercato dei green bond continuerà probabilmente a espandersi nel 2020, trainato dai titoli governativi.
  • La volontà della Germania di emettere green bond fungerà da riferimento per gli altri emittenti.
  • Si profila l’opportunità di iniziare a integrare i green bond nei portafogli obbligazionari.

Nella nostra ultima riunione settimanale sulle politiche di investimento ci siamo soffermati sulle dinamiche e le tendenze dei green bond, uno dei mercati più in voga nel reddito fisso. In particolare ci siamo interessati alle modalità con cui i nostri gestori integrano le obbligazioni verdi nei loro portafogli obbligazionari, al di là dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) che fanno già parte delle nostre strategie.

Dall’emissione del primo green bond poco più di dieci anni fa il mercato ha registrato una crescita costante. Lo scorso anno è stata venduta la cifra record di 255 miliardi di USD di obbligazioni emesse allo scopo di finanziare progetti e attività a basso impatto ambientale, un incremento di oltre il 45% rispetto al 2018 e di oltre tre volte le emissioni registrate nel 2016. “La questione ambientale è diventata cruciale, trainando la rapida espansione delle emissioni di obbligazioni verdi”, afferma Quentin Fitzsimmons, gestore di portafoglio e membro del Fixed Income Global Investment Team. “Il mercato sembra destinato a proseguire lungo questo solido trend grazie allo sforzo messo in atto da un numero crescente di società e paesi nell’adottare politiche più verdi”.

Il mercato dei green bond registra una crescita costante dal 2014

(Fig. 1) Valore di mercato totale dei green bond. Al 31/12/2019.

Il mercato dei green bond registra una crescita costante dal 2014

Fonte: Bloomberg Index Services Limited (si veda l’informativa aggiuntiva).

Diversi paesi, tra cui l’Italia e la Svezia, prevedono di emettere obbligazioni verdi per la prima volta quest’anno. In futuro seguiranno probabilmente altri paesi se ai governi verrà permessa una maggiore flessibilità nelle regole di bilancio riguardanti il finanziamento di attività ecosostenibili. “In un contesto in cui diverse principali banche centrali sembrano aver esaurito la capacità di stimolare la crescita attraverso l’allentamento monetario, i paesi sviluppati si avvieranno lungo la strada di politiche fiscali più espansive ed è probabile che l’emissione di obbligazioni verdi ne farà parte”, afferma Fitzsimmons.

Il mercato sembra destinato a proseguire lungo questo solido trend grazie allo sforzo messo in atto da un numero crescente di società e paesi nell’adottare politiche più verdi.

La credibilità migliora ma sono necessari ulteriori progressi

A una maggiore emissione di obbligazioni verdi dovrà corrispondere la domanda degli investitori. Tuttavia, malgrado i grandi passi avanti realizzati, alcune emissioni non convincono del tutto gli investitori tradizionali. Tra i motivi vi è la mancanza di standard riconosciuti a livello mondiale e di trasparenza riguardo a come saranno usati i proventi raccolti dalla vendita di green bond e, in particolare, alle modalità di rifinanziamento e di rimborso. “Una maggiore trasparenza sulle modalità di utilizzo dei finanziamenti nel tempo è necessaria per migliorare la credibilità delle obbligazioni verdi”, afferma Fitzsimmons.

Un altro fattore che potrebbe contribuire al rafforzamento del mercato è l’intenzione del governo tedesco di emettere obbligazioni verdi su diverse scadenze.  Secondo Fitzsimmons “una curva di obbligazioni verdi tedesche comprendente tutte le scadenze potrebbe potenzialmente cambiare le carte in tavola per l’Europa in quanto potrebbe servire da punto di riferimento per altre emissioni sovrane e societarie denominate in euro”. 

Tuttavia, non tutti i governi si trovano sulla stessa lunghezza d’onda quando si tratta di emettere green bond. Il Debt Management Office del Regno Unito, ad esempio, ha sollevato preoccupazioni riguardo ai costi della costruzione di una curva dei rendimenti governativi liquida di obbligazioni verdi.

Una migliore liquidità offre opportunità per investire in obbligazioni verdi 

Malgrado la crescita spettacolare e una quota in crescita costante, le dimensioni del mercato dei green bond rimangono contenute rispetto al mercato obbligazionario complessivo. Uno dei fattori che limita l’espansione è la mancanza di liquidità. Tuttavia, il team di investimento ritiene che su questo fronte ci siano dei segni di miglioramento. “Il boom di emissioni di obbligazioni verdi sta contribuendo a rafforzarne il profilo di liquidità, il che a sua volta dovrebbe fornire opportunità per investimenti di portafoglio”, ha affermato Fitzsimmons.

Chi ha emesso green bond nel 2019?

(Fig. 2) Scomposizione per tipologia di emittente e cinque principali emittenti. Al 31/12/2019.

Chi ha emesso green bond nel 2019?

Fonti: Stime di Climate Bond Initiative e T. Rowe Price.  I titoli specifici citati e descritti sono menzionati a soli fini informativi e non costituiscono raccomandazioni.

Il boom di emissioni di obbligazioni verdi sta contribuendo a rafforzarne il profilo di liquidità, il che a sua volta dovrebbe fornire opportunità per investimenti di portafoglio.

Un altro segnale positivo è che la liquidità nel mercato secondario è migliorata nel corso dell’ultimo anno grazie alle cosiddette operazioni “jumbo” della Francia e alla definizione di benchmark “verdi” liquidi in paesi come l’Irlanda. In questo contesto, riteniamo che potrebbe essere il momento giusto per iniziare a integrare una certa quantità di bond verdi nei portafogli a reddito fisso. “Se dovessimo individuare un’obbligazione verde con le stesse caratteristiche di valutazione di un’obbligazione tradizionale equivalente, sarebbe molto probabilmente considerata come una scelta privilegiata per alcuni dei nostri portafogli”, ha detto Fitzsimmons. 

Per quanto riguarda il settore societario il team ha osservato che le obbligazioni verdi emesse in questo comparto potrebbero diventare più interessanti rispetto alle tradizionali obbligazioni. “Alcune società hanno un interesse legittimo nell’aumentare la loro credibilità nell’ambito delle questioni ambientali poiché ciò permette loro di diversificare il flusso di reddito e, in definitiva, di migliorare il profilo ESG agli occhi degli investitori”, ha detto Fitzsimmons.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Marzo 2020 / POLICY INSIGHTS

L'approccio agli investimenti di T. Rowe Price
Prossimo Articolo

Marzo 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

La salute al centro della corsa presidenziale dei Democratici
202003-1113440

Febbraio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

COVID-19 e mercati obbligazionari

COVID-19 e mercati obbligazionari

COVID-19 e mercati obbligazionari

Possibili conseguenze dell'epidemia di coronavirus per gli investitori obbligazionari.

Ken Orchard

Ken Orchard Portfolio Manager

Febbraio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Coronavirus: i mercati resteranno probabilment...

Coronavirus: i mercati resteranno probabilmente sulle spine nel breve termine

Coronavirus: i mercati resteranno probabilmente sulle spine nel breve termine

La durata e la diffusione del virus determineranno l’impatto di lungo termine sui...

Chris Kushlis

Chris Kushlis Credit Analyst

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.