Skip to main content

Febbraio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Coronavirus: i mercati resteranno probabilmente sulle spine nel breve termine

La durata e la diffusione del virus determineranno l’impatto di lungo termine sui mercati.

Informazioni chiave

  • È probabile che la volatilità del mercato a breve termine persista, poiché l'epidemia di coronavirus rimarrà una preoccupazione fondamentale nei prossimi mesi.
  • Le attività a rischio più elevato e i settori industriali più strettamente legati all'impatto dell'epidemia sono probabilmente sottoperformanti.
  • L'impatto sulle economie cinesi e globali rimane poco chiaro. L'esempio della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) indica che un rimbalzo potrebbe seguire una volta che l'epidemia si è dissipata.

I recenti attacchi di volatilità del mercato in tutto il mondo innescati dall'epidemia di coronavirus probabilmente continueranno nel breve termine. L'impatto completo e duraturo su economie e attività finanziarie rimane poco chiaro.

In questo contesto, è importante ricordare che varie classi di attività ed economie regionali avranno prestazioni diverse man mano che la situazione si evolve. Stiamo monitorando da vicino una serie di indicatori per comprendere i potenziali impatti tra le classi di attività e i nostri portafogli.

Incertezza per guidare la volatilità a breve termine tra le classi di attività

È probabile che i mercati rimangano volatili man mano che il virus si diffonde e l'incertezza rimane elevata. Dopo un inizio positivo dell'anno, le azioni globali e i settori a rischio di reddito fisso sono stati venduti in particolare a metà gennaio, quando la gravità della minaccia del coronavirus ha iniziato a emergere. Molti mercati asiatici hanno poi registrato una brusca svendita il 3 febbraio a causa delle preoccupazioni represse scatenate il primo giorno di attività dopo le vacanze di Capodanno cinese.

È probabile che i mercati rimangano volatili man mano che il virus si diffonde e l'incertezza rimane elevata.

Non prevediamo un rimbalzo significativo a breve termine. Probabilmente passeranno almeno diverse settimane prima che emergano chiari segnali che lo scoppio è sotto controllo e che i mercati possono valutare con maggiore sicurezza il pieno impatto sulle economie cinesi e globali. In assenza di una significativa escalation dell'epidemia, i mercati potrebbero stabilizzarsi a seguito dei recenti forti cali, aiutati dallo stimolo monetario a breve termine delle autorità cinesi.

... esiste il potenziale per l'economia cinese di rimbalzare con un tasso di crescita sopra potenziale una volta che l'epidemia si attenua.

Suddivisa per asset class, le nostre prospettive a breve termine sono le seguenti:

  • Azioni: i mercati azionari globali sono diminuiti in modo significativo dalla metà di gennaio. I mercati avevano assistito a una ripresa del rischio sostenuta nei mesi precedenti, il che significa che le valutazioni si erano allungate in alcuni punti, aggravando la volatilità a breve termine. Prevediamo una persistente volatilità e debolezza a breve termine. È probabile che la gravità dell'epidemia provocherà, come minimo, una resistenza a breve termine sulla crescita cinese, che si riverserà in altre aree dell'economia globale.

  • Reddito fisso: un periodo di avversione al rischio nei mercati globali ha esercitato una pressione al ribasso sui rendimenti dei titoli di Stato core. I rendimenti dei titoli del Tesoro USA e tedeschi sono già scesi a livelli mai visti da ottobre e probabilmente rimarranno soppressi fino a quando non vi sarà maggiore chiarezza sulla diffusione del coronavirus.

    I settori a rischio di reddito fisso, compresi i mercati emergenti e le obbligazioni societarie a rendimento più elevato, potrebbero vedere una volatilità a breve termine simile ai mercati azionari. Tuttavia, la maggior parte dei settori del debito dei mercati emergenti, a parte la Cina, ha registrato solo modeste perdite. In Asia, le obbligazioni societarie investment grade, in particolare, dovrebbero continuare a mostrare una relativa stabilità.

  • Valute : l'impatto previsto del coronavirus sulla crescita globale probabilmente influenzerà i mercati valutari, compresa la pressione al ribasso sul renminbi. Il sell-off del mercato post-festivo ha visto la valuta cinese spostarsi al di sotto del dollaro statunitense di 7 RMB.

    Prevediamo che la Banca popolare cinese (PBoC) contribuirà ad attenuare eventuali volatilità anomale durante questo periodo. La Cina potrebbe voler evitare di sollevare potenziali obiezioni da parte delle autorità statunitensi in caso di un deprezzamento della valuta più netto.

    Durante l'epidemia di SARS nel 2003, molte valute Asia-Pacifico (APAC) sono state gestite in modo più pesante, il che ha limitato la loro volatilità in quel momento. Oggi potrebbero esserci più fluttuazioni, con i paesi più esposti al turismo e agli scambi con la Cina che sono i più colpiti. I fondamentali nella maggior parte dei paesi APAC rimangono sani, il che dovrebbe fornire un'influenza di supporto.

La crescita cinese potrebbe vedere un rimbalzo post-epidemia

La diffusione del coronavirus ha già raggiunto un livello in cui avrà un notevole impatto sull'economia cinese. Prevediamo un calo significativo del tasso di crescita della Cina nel primo trimestre e potenzialmente dei trimestri futuri se l'epidemia persiste.

L'ultimo importante focolaio comparabile, SARS, è apparso per la prima volta alla fine del 2002. Il picco dell'impatto economico è arrivato intorno a marzo e aprile 2003, con il tasso di crescita annuale destagionalizzato che è calato bruscamente dal 12% nel primo trimestre al 3,5% nel secondo trimestre del 2003. Vale la pena notare che molti aspetti dell'economia cinese sono diversi oggi rispetto al 2003. Il settore dei servizi costituisce una quota maggiore del prodotto interno lordo (PIL) della Cina rispetto al 2003. Ciò potrebbe comportare un impatto complessivo maggiore rispetto alla SARS aveva.

Tuttavia, se il modello degli impatti della SARS è una guida, esiste il potenziale per l'economia cinese di rimbalzare con un tasso di crescita superiore al potenziale una volta che l'epidemia si attenua. Nel 2003, il tasso di crescita della Cina è salito al 15,5% nel terzo trimestre quando la domanda repressa ha visto il rimbalzo dei consumi mentre l'epidemia di SARS è diminuita.

Un rimbalzo simile a seguito del coronavirus potrebbe aiutare a mantenere la traccia a lungo termine dell'economia cinese su una chiglia relativamente uniforme. Allo stesso modo, i mercati azionari e creditizi potrebbero riprendersi poiché i settori più colpiti dallo scoppio beneficiano della domanda repressa.

Detto questo, focolai di questo tipo rimangono imprevedibili e inclini a una serie di fattori che regolano la diffusione e la durata. Esiste il rischio che l'epidemia di coronavirus possa persistere più a lungo e con un impatto economico maggiore rispetto alla SARS.

Lo stimolo a breve termine fornisce supporto

La Cina ha già risposto con un'ampia serie di misure di stimolo a breve termine per contrastare qualsiasi panico iniziale sul mercato. Le politiche includono un taglio di 10 punti base al tasso di pronti contro termine inverso e liquidità aggiuntiva per mantenere la funzionalità del mercato, nonché altre misure a sostegno del settore finanziario. Inoltre, la Cina ha annunciato un programma di prestiti di 300 miliardi di RMB per sostenere Wuhan, la città all'epicentro dell'epidemia.

A lungo termine, prevediamo che le autorità cinesi adottino un approccio limitato a qualsiasi stimolo sostenuto. Negli ultimi anni, la Cina si è concentrata sulla riduzione della leva finanziaria e non sarà eccessivamente aggressiva nel deviare da questo percorso. Il PBoC probabilmente rimarrà reattivo alla debolezza dei dati di crescita. Lo stimolo fiscale piuttosto che le misure monetarie potrebbe essere lo strumento principale per sostenere la crescita. Nel complesso, riteniamo che l'obiettivo sarà mantenere il tasso di crescita per l'intero anno sostanzialmente in linea con gli obiettivi, tollerando nel contempo un certo grado di debolezza temporanea nel breve termine.

Caratteristiche principali dell'epidemia da guardare

La velocità e la diffusione dell'epidemia di coronavirus potrebbero cambiare rapidamente. Le caratteristiche chiave che stiamo monitorando includono:

  • Tasso di diffusione: siamo certi che il numero di casi confermati crescerà man mano che le autorità miglioreranno la loro capacità di localizzare e diagnosticare le persone e che coloro che sono già infetti iniziano a mostrare i sintomi. Tuttavia, le autorità cinesi hanno implementato misure di contenimento aggressive. Come reagiranno i mercati dipenderà se lo spread sembra raggiungere un picco nel breve termine o se accelera.

    I segni recenti che le infezioni nella provincia di Hubei si stanno livellando suggeriscono che le misure di contenimento potrebbero avere l'effetto desiderato. Osserveremo i segnali che la diffusione non si riaccelererà nei prossimi giorni.
  • Luogo di diffusione: stiamo monitorando la progressione dei casi al di fuori dell'area di Wuhan nella provincia di Hubei. La maggior parte dei casi internazionali sono stati tra le persone che hanno visitato Wuhan e dati recenti hanno dimostrato che l'incidenza di nuovi casi al di fuori della Cina è diminuita. Tuttavia, poiché il virus ha un periodo di incubazione riportato tra uno e 14 giorni prima che compaiano i sintomi, questa tendenza potrebbe cambiare. Il numero di casi in tutta la Cina potrebbe crescere sostanzialmente nel breve termine. L'entità della diffusione in Cina e i tassi di infezione internazionali guideranno l'analisi di impatti più ampi.

  • Rischio di mutazione: finora, il numero riportato di casi e decessi per il nuovo coronavirus indica che ha un tasso di mortalità inferiore alla SARS. Rimane il rischio che il virus possa mutare in una forma più letale o diventare più facilmente trasmissibile tra le persone.


Impatti oltre le economie asiatiche

È troppo presto per valutare accuratamente l'impatto a lungo termine sulle economie globali. Rispetto alla SARS, l'impatto sul resto del mondo potrebbe essere maggiore semplicemente perché la Cina è più integrata nell'economia globale nel 2020 rispetto al 2003, e la sua produzione costituisce una quota molto più grande del PIL globale.

La minore domanda dovuta a una crescita più lenta potrebbe pesare sui prezzi del petrolio. I paesi e le società che in genere beneficiano di prezzi del petrolio più bassi potrebbero vedere una stabilità relativa, mentre quelli più direttamente interessati potrebbero sperimentare una maggiore volatilità.

Prevediamo che le esportazioni e i viaggi dalla regione APAC ne risentiranno. Ciò potrebbe danneggiare notevolmente i dati sulla crescita del mercato sviluppato nei prossimi mesi, compresi i dati trimestrali del PIL più bassi. In questa fase, sembrano improbabili cambiamenti nella direzione della politica da parte della Federal Reserve o della Banca centrale europea.

Nel complesso, la diffusione del coronavirus a livello globale non ha raggiunto un livello che riteniamo possa indebolire gravemente le prospettive di crescita a lungo termine negli Stati Uniti e in altre economie sviluppate.

Rimaniamo vigili nel monitorare i flussi di notizie in tempo reale che potrebbero innescare oscillazioni del mercato, pur mantenendo la nostra attenzione sul quadro a lungo termine.

Quello che stiamo guardando dopo

Stiamo osservando più in profondità gli impatti idiosincratici sui singoli settori di mercato e classi di attività. Man mano che il virus si diffonde, i settori industriali più direttamente esposti alla perturbazione causata dal virus subiranno probabilmente le maggiori oscillazioni di prezzo. In particolare, stiamo osservando attentamente il settore dei giochi di Macao tra le restrizioni di viaggio e i casinò che sospendono le operazioni. Nel settore del commercio al dettaglio, le tradizionali attività tradizionali avranno probabilmente il peso maggiore, mentre le aziende focalizzate sulla consegna online potrebbero ottenere risultati migliori. Anche il settore immobiliare cinese sta subendo pressioni a causa di pause nelle vendite di case per ridurre gli incontri pubblici in alcune regioni della Cina. Continueremo a esaminare da vicino quali nomi sono più adatti a sopportare queste pressioni e come le autorità cinesi rispondono con qualsiasi potenziale stimolo settoriale.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

Articolo precedente

Febbraio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Un nuovo patto per il commercio in Nordamerica
Prossimo Articolo

Febbraio 2020 / INVESTMENT INSIGHTS

Perché l'economia è vittima del deleveraging

Dicembre 2019 / Investment Insights

In Cina la chiave del miglioramento sarà...

In Cina la chiave del miglioramento sarà la stabilizzazione

In Cina la chiave del miglioramento sarà la stabilizzazione

In Cina la chiave del miglioramento sarà la stabilizzazione

Wenli Zheng

Wenli Zheng Regional Portfolio Manager

Settembre 2019 / Investment Insights

China’s Long-Term Opportunity Remains Compelli...

China’s Long-Term Opportunity Remains Compelling

China’s Long-Term Opportunity Remains Compelling

Le opportunità a lungo termine in Cina restano convincenti

Chris Kushlis, Eric C. Moffett & Sheldon Chan

Chris Kushlis, Eric C. Moffett & Sheldon Chan

Stai per uscire dal sito web di T. Rowe Price

T. Rowe Price non è responsabile per il contenuto di siti esterni, inclusi i dati di performance ivi contenuti. I rendimenti passati non sono indicativi di rendimenti futuri.