INVESTMENT INSIGHTS

La Georgia: un Paese leader in termini di governance

Peter Botoucharov , Credit Analyst

Punti essenziali

  • Fondamentali robusti sostengono il debito sovrano in dollari della Georgia.
  • Il quadro tecnico è positivo ed è poco probabile che il governo georgiano emetta altre obbligazioni esterne nel 2019.
  • La Georgia ha una solida storia di politiche macroeconomiche prudenti, riforme strutturali e miglioramento del contesto imprenditoriale.

Negli ultimi vent’anni la Georgia ha messo in atto uno dei miglioramenti più notevoli in termini di governance. La Rivoluzione delle Rose del 2003, che ha visto un cambio di potere filo-occidentale pacifico nel Paese, è stata il catalizzatore che ha innescato un drastico programma di riforme in corso ancora oggi. Gli analisti di T. Rowe Price seguono da vicino i progressi realizzati dalla Georgia e hanno effettuato diversi viaggi di ricerca in loco per analizzare direttamente come queste riforme di ampia portata abbiano permesso al Paese di migliorare la governance e il contesto imprenditoriale.



Cronologia degli eventi principali in Georgia

Dati al 30/11/2019

Cronologia degli eventi principali in Georgia

 

 

Nel caso della Georgia sono stati fatti passi avanti significativi in termini di lotta alla corruzione e di miglioramento del contesto imprenditoriale.


(Grafico 1) La Georgia supera altri Paesi emergenti comparabili in termini di controllo della  corruzione
Controllo della corruzione*—Georgia e altri Paesi emergenti comparabili a confronto, dal 2000 al 2017
Dati al 31/12/2017

(Grafico 1) La Georgia supera altri Paesi emergenti comparabili in termini di controllo della  corruzione

 

Fonte: Banca Mondiale. Analisi di T. Rowe Price.

*Banca Mondiale: Riflette la percezione della misura in cui i poteri pubblici vengono esercitati al fine di ottenere profitti privati, incluse piccole e grandi forme di corruzione e l’assoggettamento dello Stato a élite e interessi privati.

† Un indicatore della Banca Mondiale che va da 2,5 (governance solida) a -2,5 (governance debole).
 

Lotta alla corruzione e semplificazione del sistema tributario

In seguito alla Rivoluzione delle Rose,  una delle prime questioni trattate dal governo è stata la corruzione. Le autorità hanno adottato un approccio a tolleranza zero e, a chiara dimostrazione delle loro intenzioni, diversi funzionari di alto livello sospettati di corruzione sono stati rimossi dalle loro funzioni. La lotta alla corruzione è avvenuta parallelamente alla revisione del sistema tributario. Le possibilità di scappatoie fiscali sono state eliminate ed è stato introdotto un nuovo codice tributario più semplice, con una notevole riduzione del numero di tasse che sono passate da 21 nel 2004 a 7 nell’anno successivo1. Il governo ha inoltre introdotto un sistema di presentazione elettronica della dichiarazione dei redditi, che non solo ha semplificato il pagamento delle tasse, ma ha anche contribuito a ridurre le possibilità di corruzione. In seguito a queste modifiche i conti pubblici della Georgia sono migliorati. Ad esempio, il gettito fiscale - che rappresenta un’importante fonte di finanziamento per i servizi statali - è più che raddoppiato, passando dal 12% del  prodotto interno lordo (PIL) nel 2003 al 25% nel 20081.
 

A distanza di oltre 15 anni da queste prime riforme, la Georgia continua a fare progressi in termini di standard di governance, etici e sociali. Negli indicatori di governance mondiali (Worldwide Governance Indicators, WGI) pubblicati dalla Banca Mondiale l’anno scorso, la Georgia si è posizionata nel rango percentile più elevato mai raggiunto dal Paese, battendo la maggior parte dei Paesi emergenti comparabili e riducendo il divario con i Paesi sviluppati. In altre aree di governance chiave analizzate dalla  Banca Mondiale, come la qualità delle regolamentazioni e l’efficacia delle azioni del governo, la Georgia ha fatto passi avanti simili negli ultimi anni, una dimostrazione del successo delle riforme intraprese   .


Un quadro di bilancio regolamentato

Un altro importante passo avanti nella storia delle riforme della Georgia è l’Economic Liberty Act del 2011. La legge ha stabilito un quadro di bilancio regolamentato, con tre elementi principali: un tetto per il debito pubblico, un tetto per il disavanzo pubblico consolidato e un tetto per le spese delle amministrazioni pubbliche. Se da un lato questo quadro ha ridotto la flessibilità fiscale, dall’altro ha fornito  una solida ancora anticiclica e istituzionale per i bilanci pubblici, permettendo al Paese di raggiungere disavanzi pubblici bassi e sostenibili e un rapporto debito pubblico/PIL stabile.
 

Rischi sostanzialmente bilanciati per il futuro

La governance è uno degli aspetti principali che analizziamo nel condurre le nostre ricerche. Nel caso della Georgia sono stati fatti passi avanti significativi in termini di lotta alla corruzione e di miglioramento del contesto imprenditoriale. E ciò, grazie anche ai precedenti storici di politiche monetarie prudenti basate su un obiettivo di inflazione, sostiene i fondamentali.
 

Anche il quadro tecnico è positivo ed è poco probabile che il governo georgiano emetta altre obbligazioni esterne quest’anno. Ma è tuttavia importante ricordare che i rischi - che monitoriamo - sono ancora diffusi. La Georgia è un’economia aperta di piccole dimensioni, fortemente dollarizzata e vulnerabile a shock esterni. Anche il fronte geopolitico rappresenta un rischio dato il conflitto irrisolto con la Russia sulle zone occupate.



(Grafico 2) La Georgia riduce il divario con i Paesi sviluppati in termini di  qualità delle regolamentazioni
Qualità delle regolamentazioni*—Georgia e alcune economie sviluppate aperte di piccole dimensioni a confronto, dal 2000 al 2017
Dati al 31/12/2017

(Grafico 2) La Georgia riduce il divario con i Paesi sviluppati in termini di  qualità delle regolamentazioni

 

Fonte: Banca Mondiale. Analisi di T. Rowe Price.

*Banca Mondiale: Riflette la percezione della capacità del governo di concepire e mettere in atto politiche e regolamentazioni fondate che permettono e promuovono lo sviluppo del settore privato.

† Un indicatore della Banca Mondiale che va da 2,5 (governance solida) a -2,5 (governance debole).

 

La Georgia in sintesi

La Georgia in sintesi

 

 

Peter Botoucharov, analista del debito sovrano, spiega come la Georgia sia leader rispetto ad altri Paesi emergenti in termini di qualità della governance.
 

  • Indipendenza dall’Unione Sovietica  nel 1991.
  • Situata all’incrocio fra Europa e Asia.
  • Popolazione di oltre
  • 3,5 milioni di persone1.
  • Rating Ba2, lo stesso di Croazia e Brasile, secondo Moody’s Investors Service Inc2.
  • Ha emesso i suoi primi Eurobond nel  2008.


Tesi di investimento

  • Fondamentali solidi, con crescita3 e inflazione4 in Georgia rispettivamente intorno alla media del 4%5 e del 3%5 dal 2012.
  • Il quadro tecnico è positivo ed è poco probabile che il governo georgiano emetta altre obbligazioni esterne quest’anno.
  • Solida storia di politiche macroeconomiche prudenti, riforme strutturali  e miglioramento del contesto imprenditoriale.


Fattori ESG in dettaglio

  • La Georgia è leader nel miglioramento degli standard di governance, etici e sociali, ad esempio per quanto riguarda lo Stato di diritto e il  contesto imprenditoriale.
  • Settima su 190 Paesi nell’indice della Banca Mondiale sulla facilità nel fare impresa (Ease of doing business index)6.
  • La Georgia ha fatto importanti passi avanti nella lotta alla corruzione.
La Georgia ha realizzato importanti progressi nell’attuazione di un ampio ventaglio di riforme strutturali ed è adesso un leader tra i mercati emergenti nel miglioramento dello Stato di diritto e del contesto imprenditoriale.
- Peter Botoucharov, EM Sovereign Analyst, T. Rowe Price

1Fonte: geostat.ge/en al 30/11/2019.

2Fonte: Rating creditizio dei titoli di Stato attribuito dall’agenzia di rating Moody’s, al 30/11/2019.

3Tasso di crescita del PIL reale (%).

4 Tasso annuale dell’inflazione core %.

5Fonte: geostat.ge/en. Analisi di T. Rowe Price al 30/11/2019.

6Fonte: The World Bank Group al 24/10/2019.

 

Da tenere d’occhio

In futuro è importante che il trend di riforme positive continui in Georgia, in particolare in aree come le pensioni e l’istruzione.

Informazioni importanti

Il materiale ha solo scopo informativo e/o di marketing e non è un consiglio o una raccomandazione di investimento. Consigliamo ai potenziali investiori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione di investimento. I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri. Il valore di un investimento puó oscillare e gli investitori potrebbero non ottenere l'intero importo investito.

Il materiale non è stato verificato da alcuna autorita di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Informazioni e opinioni sono ottenute/ tratte da fonti ritenute affidabili ma non garantiamo completezza ed esaustivitá, né che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri contenuti sono soggetti a cambiamento senza preavviso e possono differire da altre società del gruppo T. Rowe Price.

È vietata la diffusione, in qualsiasi forma, della pubblicazione e/o dei suoi contenuti. Il materiale è destinato all’uso esclusivo in Italia. Vietata la distribuzione retail.

 

201912-997898

FONDO CORRELATO
SICAV
Classe I USD
ISIN LU0207127753
Questo è il nostro portafoglio di punta nel segmento del debito dei Paesi emergenti in valuta forte. Offre una vasta esposizione al debito della regione emergente, con un approccio orientato al credito che è ampiamente rappresentativo dei mercati sovrani e societari esterni. Visualizza Altro...
Rendimento 3 A
(Annualizzato)
0,37%
Cedola media
5,95%
FACTSHEET
Dimensione del fondo
(USD)
$273,1mln
Scadenza media
12,43anni
Duration media
7,20 anni
ESG