INVESTMENT INSIGHTS

Perché sono diventato più cauto

Ken Orchard , Portfolio Manager

L'ipotesi di una recessione è diventata più preoccupante. La situazione è tutt'altro che chiara ed è ancora possibile che i mercati trovino stabilità e il ciclo economico si allunghi ulteriormente, ma quello che ho visto mi ha convinto ad assumere un posizionamento più difensivo nei miei portafogli. Penso che sia sempre meglio agire rapidamente che non aspettare fino a quando i prezzi degli asset abbiano già iniziato a muoversi.
 

Uno dei motivi alla base della mia cautela è la  sensazione che tutte le potenziali notizie positive siano già state scontate: sappiamo che la Federal Reserve statunitense e altre banche centrali taglieranno i tassi, ci sono nuove speranze di un accordo fra USA e Cina e il governo cinese ha già adottato misure di stimolo economico per compensare la minaccia di sanzioni. Realisticamente parlando, quali altre sorprese positive possiamo aspettarci?


Intanto, si rilevano segnali di allarme nei dati statunitensi. I sondaggi relativi al settore manifatturiero, come l'indice PMI e i rapporti delle sedi regionali della Federal Reserve, mostrano un netto rallentamento quest'anno, con le cifre di giugno che sono risultate particolarmente fiacche. Il dato mensile sul numero di occupati è calato, attestandosi a una media di 151.000 contro i 223.000 del 2018. I prezzi dei metalli e del petrolio in declino dal picco di inizio aprile completano il quadro di un'economia debole. L'aumento delle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione, un "sintomo" tipico di recessione imminente, non si è ancora verificato, ma in passato questa variabile non ha lanciato l'allarme con grande anticipo, quindi probabilmente è meglio non farci troppo affidamento (ma continueremo a monitorarla da vicino).
 

Più preoccupante è il fatto che i Treasury USA sono rimbalzati mentre la curva dei rendimenti resta invertita. I future sui fondi federali e l'eurodollaro adesso scontano in media tagli dei tassi per 100 pb nei prossimi 12 mesi. La Fed abbasserà il costo del denaro di 100 pb solo in caso di recessione, pertanto possiamo dire che i mercati dei tassi di interesse considerano molto probabile un'evoluzione in tal senso. Visto il livello attuale del mercato azionario, vale la pena di chiedervi da che parte state: con i Treasury o con le azioni? Io sto con i Treasury, che di solito ci vedono giusto in un ciclo maturo.

Nel complesso, l'ambiente attuale mi sembra molto simile alle fasi iniziali delle recessioni del 2001 e del 2007.

Nel complesso, l'ambiente attuale mi sembra molto simile alle fasi iniziali delle recessioni del 2001 e del 2007. Non vedo motivo di tergiversare, rischiando di farsi cogliere di sorpresa da un adeguamento di prezzo rapido, quindi ho già adottato un posizionamento più difensivo nei miei portafogli. In pratica, questo ha comportato un'estensione della duration tramite Treasury e altri titoli sovrani di alta qualità, ma anche l'adozione di un sottopeso sul credito e la combinazione dell'esposizione creditizia con alcune posizioni in titoli altamente convincenti. La componente high yield, anche se non azzerata, è stata portata a un livello che a nostro giudizio non dovrebbe creare problemi se la situazione dovesse deteriorarsi.

Il prossimo dato sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione fornirà nuove indicazioni sul vigore dell'economia...

Molti sperano che i tagli dei tassi della Fed e il QE della BCE basteranno a sostenere il mercato e l'economia, ma anche questo è tipico in vista di una recessione: nell'autunno del 2007, c'era stato un rally di 65 pb degli spread high yield nelle quattro settimane precedenti il primo taglio da parte della Fed, seguito da un ampliamento di 200 pb nelle cinque settimane successive. Non è il tipo di inversione da cui farsi cogliere impreparati.
 

Ci sono diversi fattori da tenere d'occhio nelle prossime settimane. Il prossimo dato settimanale sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione fornirà indicazioni concrete in tempo reale sul vigore dell'economia, insieme ai risultati dei sondaggi di giugno/luglio condotti fra i responsabili degli acquisti (indici PMI), dall'Institute for Supply Management (ISM) e dalle sedi regionali della Federal Reserve. Il mercato azionario reggerà toccando nuovi massimi? E i Treasury continueranno a scontare tagli dei tassi per 100 pb? Se tutti questi elementi punteranno a una stabilizzazione o a un miglioramento dell'economia, vorrà dire che avevo torto: forse siamo agli albori di una nuova fase del ciclo economico attuale.
 

Altrimenti, tenetevi forte.


Rischi principali.
Riportiamo di seguito i rischi particolarmente rilevanti per la strategia presentata in questo materiale.
 

Le operazioni in titoli denominati in valuta estera sono soggette alle fluttuazioni dei tassi di cambio che possono incidere sul valore dell'investimento. I titoli di debito potrebbero essere influenzati da un cambiamento avverso delle condizioni finanziarie a causa di un declassamento del rating o di un’insolvenza che potrebbe incidere sul valore di un investimento. L'investimento in obbligazioni ad alto rendimento (high yield) comporta un elemento di rischio maggiore.

Informazioni importanti

Questo materiale è fornito a scopo esclusivamente informativo. Il materiale non costituisce né si prefigge di fornire una consulenza di alcun genere, neppure in materia di investimento fiduciario; si consiglia ai potenziali investitori di richiedere una consulenza legale, finanziaria e fiscale indipendente prima di assumere qualsiasi decisione d'investimento. Le società del gruppo T. Rowe Price, incluse T. Rowe Price Associates, Inc. e/o le sue affiliate, ottengono ricavi dai prodotti e servizi di investimento di T. Rowe Price. I rendimenti passati non costituiscono un’indicazione affidabile di quelli futuri. Il valore di un investimento e l’eventuale reddito da esso derivante possono aumentare o diminuire. Gli investitori possono ottenere un importo inferiore rispetto a quello investito.

Il presente materiale non costituisce distribuzione, offerta, invito, raccomandazione o sollecitazione personale o generale all'acquisto o alla vendita di titoli in alcuna giurisdizione, né allo svolgimento di qualsiasi attività di investimento specifica. I contenuti del presente materiale non sono stati verificati da alcuna autorità di vigilanza in alcuna giurisdizione.

Le informazioni e le opinioni qui presentate sono state ottenute o tratte da fonti ritenute affidabili e aggiornate; tuttavia, non siamo in grado di garantirne l'accuratezza né l'esaustività. Non vi è alcuna garanzia che eventuali previsioni si concretizzino. I pareri qui contenuti sono espressi alla data indicata sul materiale e sono soggetti a cambiamento senza preavviso; questi pareri possono differire da quelli di altre società del gruppo T. Rowe Price e/o di loro associate. Il materiale non dovrà essere, in nessun caso, copiato né ridistribuito, in tutto o in parte, in assenza del consenso di T. Rowe Price.

Il materiale non è destinato ad essere utilizzato da persone che siano in giurisdizioni che vietino o limitino la distribuzione del materiale e in alcuni paesi tale materiale è fornito solo su richiesta specifica.

Il presente documento non è finalizzato alla distribuzione ai clienti retail in alcuna giurisdizione.

201906‑886928